copertina La cultura del male

La cultura del male

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Uno stile filosofico tutt’altro che minoritario nel pensiero contemporaneo – identificabile in singoli, in correnti o «scuole», in linee editoriali di successo – interpreta l’ora presente, e il presente intemporale definito dall’espressione «natura umana», attraverso le nozioni di male e di crisi. La pervasività di questa antropologia negativa è tale da alimentare una diffusa mentalità nichilista di depotenziamento e indebolimento dell’etica laica, su cui ha facile presa il progetto di «riconquista» religiosa da parte della Chiesa cattolica. Il libro muove da una ricognizione dell’idea di colpa e decadimento, dalle origini paoline e agostiniane fino a Nietzsche e Freud, per approdare a un’etica del limite, che denunci i tratti antiumani delle etiche religiose, contrapponendo alla visione «verticale» del (redimibile) destino tragico dell’uomo un’antropologia positiva dell’immanenza e della finitudine, che accolga il caso e l’imperfezione, e si radichi nella consapevolezza dell’eterogeneità di valori.

  • ISBN: 8833914801
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 118

Dove trovarlo

€12,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai