La forza dello sguardo

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Consegnato a parole, miti, filosofie, letterature e arti, il primato della vista si identifica da sempre con il possesso del sapere e l'esercizio del potere. Se in greco antico il lessico del vedere e quello del conoscere sono tutt'uno, e per il Platone della "Repubblica" è «filosofo» chi ama «lo spettacolo della verità», l'equivalenza di teoria e visione che fonda e attraversa l'intera metafisica occidentale non ha nulla del dato acquietante, anzi si configura come una dolorosa drammaturgia che è urgente interrogare. In un libro che compie una densa escursione dai grandi personaggi tragici a Freud, dalla mitologia classica alle testimonianze figurative più tarde, dai dialoghi platonici a Orwell, Umberto Curi indaga le ragioni che rendono lo sguardo così potente. La rapacità dell'occhio, un tempo paragonata alla violenza del lupo e ancora attiva nell'utopia democratica di una trasparenza che bandisca ogni segreto - rasentando l'invisibile onniveggenza dei modelli totalitari -, non esaurisce da sola la «forza dello sguardo». Non ci sarebbe potenza di visione senza il suo opposto, ossia l'abbagliamento e la tenebra. Il prigioniero della caverna che Platone fa risalire alla luce, Edipo, Narciso, Medusa, il Nathaniel del racconto di Hoffmann "L'uomo della sabbia" rappresentano in modi diversi la perturbante coappartenenza di visibile e non-visibile, di estraneo e familiare, di identità e alterità che contribuisce a definire l'umano.

  • ISBN: 8833915247
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 268

Dove trovarlo

€27,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai