Articolo

Cibolatria

Non c’è alcun dubbio che la letteratura sia affollatissima di cibo, il più vario, più goloso o bizzarro; e non solo la letteratura: “affiderei la mia birra a un tedesco, tutto i mio desco a un olandese lurco, la mia bottiglia di acquavite a un turco”, canta il signor Ford nel Falstaff di Verdi (e quindi con…

Articolo

Romain Gary: l’identità dello scrittore tra autore e personaggio

Quando mandò all’editore il nuovo libro firmato Emile Ajar, Simone Gallimard, che non sapeva chi si nascondesse dietro quel nome, si preoccupò moltissimo: perché si parlava molto male, pur senza nominarlo, di Romain Gary. Lo mostrò al suo celebre autore, per chiederne il parere. Nemmeno lei sapeva che Ajar e Gary…

Articolo

Le biblioteche, universi imprevedibili

"La scoperta dell’arte di leggere – scrive Alberto Manguel – è un evento intimo, oscuro, segreto, quasi impossibile da spiegare". Vero è che tuttavia, col passare del tempo, può portare con sé, oltre a una notevole felicità, una serie di conseguenze complesse, fra estasi e tragedia: perché l’arte di…

Articolo

L’amore per le donne mature raccontato da Stephen Vizinczey

"In quel continente perduto che è stato la vecchia Europa, erano le relazioni tra gli uomini più giovani e le loro mature amanti ad avere la malìa della perfezione". L’affermazione non è, anche se lo potrebbe sembrare, di Sebastien Japrisot, (pseudonimo di Jean-Baptiste Rossi), il cui romanzo La cattiva strada,…

Articolo

I gialli ben scritti di Margherita Oggero, vera erede di Fruttero e Lucentini

C’è un poliziotto che mentre fa il suo mestiere (che altro? Indagare) pensa melanconicamente a una “spiaggia cosparsa di inutili relitti lasciati dal ritrarsi della mareggiata” e persino a “un osso di seppia” (sarà un caso?); e al momento in cui le indagini prendono la via maestra e tutto, dal più al meno,…

Articolo

Lo smisurato talento di Somerset Maugham, scrittore “cattivissimo” e cinico

«In tutto il mondo ci sono storie meravigliose da scrivere. Basta avere le palle». Fu l’ultimo consiglio che Somerset Maugham dette al nipote Robin, e che suona in Conversazioni con lo zio Willie, tradotto anni fa da Adelphi, come il vero testamento spirituale di uno scrittore che aveva fama di “cattivissimo” e…