Da news

"Bartleby lo scrivano" di Herman Melville e "Via di fuga" di Lee Child: ascolta il podcast "L'audiolibraio"

"Bartleby lo scrivano" di Herman Melville e…

"La casa di carta 3": alla scoperta della nuova stagione della serie

"La casa di carta 3": alla scoperta…

A settembre debutta Prehistorica, una nuova casa editrice (fondata da un traduttore)

A settembre debutta Prehistorica, una nuova casa…

Libri Finti Clandestini: il progetto editoriale che ricicla la carta con creatività

Libri Finti Clandestini: il progetto editoriale che…

Lode all'insegnante di sostegno: i motivi per cui senza di loro non ce la faremmo

Lode all'insegnante di sostegno: i motivi per…

Andrea Camilleri era un uomo libero

Andrea Camilleri era un uomo libero

Camilleri: le citazioni, i pensieri e le interviste

Camilleri: le citazioni, i pensieri e le…

Addio a Camilleri, il "papà" di Montalbano

Addio a Camilleri, il "papà" di Montalbano

Giuseppe Laterza: "Noi editori dobbiamo ritrovare la fiducia dei librai"

Giuseppe Laterza: "Noi editori dobbiamo ritrovare la…

Luca Granato, vincitore del torneo IoScrittore, racconta di una vergogna che non trova oblio

Luca Granato, vincitore del torneo IoScrittore, racconta…

La Camera approva la proposta di legge sulla lettura

La Camera approva la proposta di legge…

Lo spettro di Mark Fisher

Lo spettro di Mark Fisher

L'autore

Barbara Pym

Barbara Pym

Raramente a una scrittrice è capitato di essere considerata “fuori moda” in vita per poi essere riscoperta, sempre in vita, come un classico: è quello che è successo a Barbara Pym (1913-1980), laureata a Oxford, che inizia a pubblicare nel 1950 suscitando stima e simpatia da parte del pubblico e della critica. Ma nel 1963 il suo editore dichiara che non c’è più un pubblico per i suoi libri, e l’autrice li vede andare fuori commercio uno dopo l’altro. Nel 1977, il “Times Literary Supplement” fa un’inchiesta sugli scrittori più sottovalutati del secolo e due autori di fama indicano il nome di Barbara Pym. In poco tempo, vengono ristampati i suoi vecchi libri, che diventano bestseller e sono tradotti in moltissimi paesi stranieri, ed escono tre nuovi romanzi. Dopo la morte, per volontà di Hazel Holt, la sua curatrice letteraria, ne vengono pubblicati altri tre, tra cui Crampton Hodnet e Una questione accademica. Da allora la reputazione di Barbara Pym non ha fatto altro che crescere. Paragonata a Jane Austen per la capacità e la grazia sopraffine con cui ritrae il quotidiano e le relazioni umane, Pym trasforma l’ordinario in straordinario. L’ironia con cui descrive il mondo è pungente ma affettuosa e serve ad accettare le quotidiane, inevitabili ingiustizie dell’esistenza.

Citazioni libri autore

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Una questione accademica

Una questione accademica

B. Pym

Scritto tra il 1970 e il 1972 e pubblicato postumo nel 1986, quest’ultimo romanzo di Barbara Pym è al tempo stesso…

Un po’ meno che angeli

Un po’ meno che ange…

B. Pym

Tom è un giovane attraente, alto, esile, che proviene da una famiglia agiata, abbandonata per seguire la sua incontenibile passione…

Jane e Prudence

Jane e Prudence

B. Pym

Jane, quarantenne, è un'accademica dal viso struccato e dall'abbigliamento dimesso, più adatto a un pollaio che a essere mostrato…

Amori non molto corrisposti

Amori non molto corrisposti

B. Pym

Anni cinquanta, Londra. Dulcie fa la correttrice di bozze. Pymescamente single dopo un amore finito male, vive da sola in una…

Donne eccellenti

Donne eccellenti

B. Pym

Un bell'uomo un po' sciocco segretamente ammirato da una donna che del proprio non avere speranza non solo non si cruccia, ma…

Crampton Hodnet

Crampton Hodnet

B. Pym

Oxford, anni trenta. La signorina Doggett, un'insopportabile vecchia signora, riempie la propria esistenza organizzando tè e…

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.