L’homo politicus tradizionale è un animale in via di estinzione? Nel suo nuovo saggio Christian Salmon mette a fuoco le trasformazioni che interessano la sfera politica, specialmente nel campo della comunicazione

Prima la rivoluzione neoliberista degli anni Ottanta, poi l’avvento della rete e della società della comunicazione: i politici sono ormai sottoposti alle ingerenze di entità esterne, come il mercato, e chiamati a dire la loro in continuazione, a mettere la faccia – e il corpo – a disposizione dei media. Il loro lavoro è sempre più una performance per catalizzare l’attenzione e suscitare emozioni intrattenendo un elettorato sempre più vorace. Non sarà che in questo nuovo circo politico-mediatico proprio i governanti finiscono vittime di un gioco sacrificale?

Christian Salmon è scrittore e membro del Centre de Recherches sur les Arts et le Langage (CNRS), torna in libreria con La politica nell’era dello storytelling (Fazi), saggio in cui mette a fuoco le trasformazioni che interessano la sfera politica, specialmente nel campo della comunicazione, offrendo anche un’analisi della spettacolare campagna elettorale di Obama.

Resta la domanda di fondo: l’homo politicus tradizionale è un animale in via di estinzione?

Commenti