Al Salone del Libro di Torino presentato “I libri per tutti”, un progetto editoriale per l’inclusione che prevede la pubblicazione in versione digitale di libri con i simboli utilizzati nella Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) per favorire una lettura accessibile a tutti i bambini... - I dettagli

Al Salone Internazionale del Libro di Torino, nel corso di un incontro molto affollato, è stato presentato “I libri per tutti”, un progetto editoriale per l’inclusione che prevede la pubblicazione in versione digitale di libri con i simboli utilizzati nella Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) per favorire una lettura accessibile a tutti i bambini.

Il progetto è promosso da Fondazione Paideia insieme a DeA Planeta Libri con il marchio De Agostini, GeMS – Gruppo editoriale Mauri Spagnol – con le case editrici Salani e La Coccinella e i marchi Ape Junior e Nord-Sud Edizioni, Giunti Editore e la Business Unit Ragazzi di Mondadori Libri con le case editrici Mondadori, Piemme e Rizzoli.

I quattro gruppi editoriali – come sottolinea il comunicato di presentazione – “hanno collaborato per dar vita a un’iniziativa che assume importanti risvolti non solo dal punto di vista sociale e culturale, ma anche clinico, educativo e didattico“. La Fondazione Paideia, impegnata da oltre vent’anni a fianco di bambini e famiglie in difficoltà, sostiene “I libri per tutti” con l’obiettivo di “valorizzare l’importanza dell’esperienza della lettura per bambini con disabilità, bisogni comunicativi complessi e disturbi del linguaggio”.

libri per tutti

Secondo alcuni dati, in Italia più del 2% della popolazione tra gli 0 e i 18 anni è composto da persone con disabilità e l’1% della popolazione infantile presenta disturbi della comunicazione* (circa 83.000 bambini).

La Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) è un sistema flessibile che utilizza tutte le competenze comunicative della persona (vocalizzazioni o linguaggio verbale, gesti, segni e comunicazione con ausili e tecnologia avanzata) per potenziare le possibilità di accesso alla comunicazione di tutti, non solo bambini e ragazzi con disabilità e bisogni comunicativi complessi, ma anche persone straniere al primo approccio con la lingua locale e soggetti con fragilità di comunicazione di tutte le età.

In questi anni è cresciuto l’uso di dispositivi mobili come smartphone e tablet tra i bambini: il libro in simboli in versione digitale rappresenta quindi uno strumento in grado di offrire strategie comunicative personalizzate e significative modalità interattive di fruizione della lettura.

Libri per tutti 2

 

Con questo importante progetto a favore di una cultura dell’inclusione vogliamo dare la possibilità a ogni bambino di poter accedere alla lettura e all’apprendimento. Siamo particolarmente orgogliosi che per la prima volta quattro dei principali gruppi editoriali in Italia abbiano scelto di lavorare insieme e speriamo che in futuro altre realtà del settore siano interessate a farne parte”, afferma Fabrizio Serra, Direttore di Fondazione Paideia.

La progettazione editoriale e la trasposizione dei libri in simboli WLS (Widgit Literacy Symbols) è a cura della Bottega Editoriale di Fondazione Paideia, la prototipazione e la realizzazione tecnica sono a cura di PubCoder e la distribuzione è affidata a Olivetti Scuola Digitale. A partire da settembre 2018, i libri in simboli in versione digitale di DeA Planeta Libri, GeMS – Gruppo editoriale Mauri Spagnol, Giunti Editore e Mondadori Libri saranno disponibili per l’acquisto sulla piattaforma www.scuolabook.it. I gruppi editoriali DeA Planeta Libri e GeMS pubblicheranno i libri in simboli anche in edizione cartacea.

Tornando all’incontro, ha visto protagonista Maurizio Arduino, responsabile del Centro Autismo e Sindrome di Asperger (C.A.S.A.) di Mondoví (CN), Alessandro Campi, Direttore Area Digitale Giunti Editore, Gabriele Clima, scrittore per ragazzi, che ha affrontato il tema dell’inclusione, Alessandro Magno, Chief Digital Officer GeMS (Gruppo editoriale Mauri Spagnol), Karen Nahum, Direttore Area Digitale DeA Planeta Libri, Francesca Rossi, Digital Sales Manager Mondadori Libri, Fabrizio Serra, direttore Fondazione Paideia, Modera: Luca Ferrua, caporedattore La Stampa – Torino. In particolare, i responsabili delle case editrici hanno sottolineato l’importanza della collaborazione tra diverse realtà per un importante progetto comune. Nel corso della presentazione, è stata anche proiettata una video intervista della scrittrice Raquel Jaramillo Palacio.

Commenti