Sinossi

Introduzione di Serena Vitale
Prefazione di Fausto Malcovati
Traduzione di Silvana de Vidovich

Prendendo a modello Shakespeare, Puškin mira ad affrancare la drammaturgia russa dalle convenzioni del teatro di corte per farne un genere autenticamente popolare. Boris Godunov (1825), storia del sovrano che ha conquistato il potere con un delitto, è il grandioso esito di questo processo di rinnovamento. Le quattro «piccole tragedie» del 1830 – Il cavaliere avaro, Mozart e Salieri, Il convitato di pietra, Festino in tempo di peste, cui questo volume affianca gli incompiuti Rusalka e Scene di epoche cavalleresche – sono invece brevi drammi in versi di «vertiginosa concisione» (secondo la definizione della Achmatova), nei quali l’autore affronta quattro umane passioni portate all’estremo sino a tramutarsi in vizi: avarizia, invidia, lussuria, bestemmia. Con una scrittura splendidamente disadorna, Puškin affida a questi straordinari frammenti poetici la sua meditazione matura sui grandi temi della sua poesia: l’arte, l’amore, la morte.

Il volume comprende: Il cavaliere avaro, Mozart e Salieri, Il convitato di pietra, Festino in tempo di peste, Rusalka, Scene di epoche cavalleresche, Boris Godunov.

  • ISBN: 8811818079
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 240

Dove trovarlo

€12,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai