Sinossi

Introduzione, traduzione e note di Elena Zaffagno

Scritto in un latino disadorno, ma esemplare per chiarezza ed essenzialità, il De bello civili (45 a.C.) è la ricostruzione storica del conflitto che nel 49-48 a.C. vide Cesare, trionfatore in Gallia e paladino del partito democratico, scendere in armi contro Pompeo, sostenuto dal senato e dall’aristocrazia. Diario di campo o testo di propaganda politica? Vera opera storiografica o resoconto autobiografico senza pretese letterarie? Pur non del tutto esenti da partigianeria, come riconobbe lo stesso Cicerone, i Commentarii trovano un felice equilibrio tra oggettività e partecipazione emotiva, tra res gestae e ideologia. Nel susseguirsi di delibere del senato, battaglie e assedi, episodi di valore e tradimenti, più che i due condottieri nemici il vero protagonista del racconto è l’esercito: la moltitudine spesso anonima di soldati costretti a sopportare marce pesanti, fame, malattie, crudeltà e abusi di potere per combattere una guerra che non è la loro.

  • ISBN: 881136728X
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 352

Dove trovarlo

€11,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Altri libri di Caio Giulio Cesare

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai