copertina Poesie

Poesie

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Introduzione e note di Ilvano Caliaro

Figura chiave del Quattrocento italiano per le sue doti di uomo di stato e diplomatico – vero arbitro dell’equilibrio politico della penisola – non meno che per la sua cultura e il suo mecenatismo, il «magnifico Lorenzo», come veniva chiamato già all’epoca, fu egli stesso scrittore eclettico e fecondo. Le prove giovanili, anteriori al 1467-70, fra cui il poemetto comico-realistico L’uccellagione di starne e l’idillio rusticale La Nencia da Barberino, riecheggiano la letteratura burlesca tornata in voga a Firenze grazie al Pulci. La produzione posteriore appare invece segnata dal neoplatonismo di Marsilio Ficino nelle Rime e dall’intonazione malinconica del Poliziano nelle Selve d’amore, nelle Laude, nelle Canzone a ballo e persino nelle licenziose Canzone carnascialesche, fra le quali spicca la nota Canzona a Bacco che con il suo invito a godere del tempo che fugge esprime nel modo più vivo il sentimento dell’inquietudine e della precarietà dell’esistenza. Nella molteplicità dei suoi registri l’opera di questo dilettante di ingegno riflette in modo esemplare i caratteri dell’umanesimo fiorentino del secondo Quattrocento, una civiltà in cui si intrecciano e si scontrano interessi terreni e tensioni contemplative.

  • ISBN: 881136597X
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 360

Dove trovarlo

€10,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai