Sinossi

A cura di Davide Rondoni e Valentino Fossati
Introduzione di Paolo Ruffilli

Dai Canti alle Operette morali, dallo Zibaldone alle Lettere l’antologia ripercorre le tracce del «discorso amoroso» nell’opera di Leopardi. La riflessione sulla natura dell’amore non ha un vero sviluppo nel poeta di Recanati: cresce in intensità, trova via via accenti più forti ma non muta nella sostanza. Il sentimento d’amore appare sempre segnato da una sorta di malinconia che nasce dalla mancanza, dalla perdita: Silvia, Nerina, Aspasia, la «donzelletta» sono fantasmi, ricordi. L’oggetto del desiderio è assente; la donna vagheggiata è lontana, emblema di una «beltà» tanto anelata quanto misteriosa e inattingibile, e sempre disincarnata. L’esperienza dell’amore è tutta intellettuale e interiore perché l’amore è materia prediletta dell’immaginazione, la facoltà più preziosa dell’uomo. La «dolce imago», l’immagine idealizzata della donna che si forma nella mente del poeta, è l’unico conforto, l’unica fonte di appagamento sensuale e spirituale. E se il pensiero d’amore può stremare il cuore, ma anche liberarlo dalle angustie del mondo, la lusinga della passione quando si trasforma in inganno diventa per il poeta l’ennesima, desolata rivelazione dell’«infinita vanità del tutto».

  • ISBN: 8811607752
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 240

Dove trovarlo

€10,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai