copertina L'Europa dei barbari

L'Europa dei barbari

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

A est del Reno, a nord delle Alpi e oltre il Danubio si estendeva il vasto territorio al quale i Romani diedero il nome di barbaricum. Ai popoli che lo abitavano, guardati per lo più con disprezzo perché pagani, illetterati e lontani dalla Grecia, da Roma e dalla Chiesa cristiana, Karol Modzelewski dedica questo studio approfondito in cui esamina la loro cultura, le loro strutture sociali, la loro organizzazione politica, giudiziaria, religiosa. E lo fa in modo innovativo, mettendo a confronto fonti e testimonianze riguardanti popoli diversi e redatte in epoche diverse. Da questo approccio antropologico risulta un quadro coerente dell’ordinamento sociale delle tribù germaniche e slave che non distinguevano tra sacro e profano e presso le quali il gruppo prevaleva sull’individuo. Le loro istituzioni, credenze e costumanze non erano tuttavia così primitive e fragili da essere spazzate via senza lasciare tracce. È indubbio che la cristianizza­zione portò con sé l’espansione della cultura classica e una ristrutturazione dell’assetto socio-politico, ma questa non fu un’azione a senso unico bensì un’interazione. E se il battesimo diede inizio allo smantellamento del mondo dei barbari, quel mondo non morì completamente, ma esercitò una notevole influenza sul volto dell’Europa e sulla sua differenziazione culturale. Accanto a quello romano e a quello bizantino, il retaggio barbarico è un fattore costitutivo della complessa identità europea.

  • ISBN: 883391836X
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 481

Dove trovarlo

€40,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai