L'incontinenza del vuoto

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Se è vero che oggi gli interventi teorici più interessanti sorgono dagli spazi fra le discipline, la voce che per antonomasia si situa alla confluenza, negli interstizi fra i diversi campi del sapere è quella di Slavoj Žižek. In questo suo nuovo lavoro, L’incontinenza del vuoto (titolo ispirato a Beckett), Žižek esplora gli elementi di raccordo (i «pennacchi», come li chiama prendendo in prestito un termine architettonico) tra le tre dimensioni della filosofia, della psicoanalisi e della critica dell’economia politica, attraverso il canale del sesso, dei rapporti amorosi, della seduzione, del desiderio, del genere. La riflessione di Žižek divora tutto ciò che si mette sulla sua strada. Nutrendosi di alto e di basso, di film trash e di Rossellini, Altman e Tarkovskij, di Šostakovic e di Demis Roussos, di fantascienza e di Mozart, Beethoven e Wagner, di Internet delle Cose e di serie tv, Žižek ci parla, come mai prima ha fatto, della nostra sessualità, dell’impossibilità che si trova al cuore del reale, dell’elemento di «eccesso» ontologico creato dall’antagonismo della differenza sessuale. In questo libro, che è anche un redde rationem contro i suoi critici, la capacità del filosofo sloveno di illuminare temi eterni a partire da dibattiti contingenti e contemporanei rifulge al massimo del suo splendore.

  • ISBN: 8833310027
  • Casa Editrice: Ponte alle Grazie
  • Pagine: 504

Dove trovarlo

€28,00

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai