Un nuovo punto di incontro (indipendente) per gli amanti dei libri e della cultura, a due passi dalle Colonne di San Lorenzo. A Milano il 7 dicembre apre Verso, libreria-bar, che ha anche una stanza riservata ai libri per l’infanzia. Tra i fondatori, anche Andrea Gessner, editore di nottetempo, e Pietro Biancardi, editore di Iperborea... - Quello che c'è da sapere sul progetto e l'offerta

Buone notizie da Milano. Lunedì 7 dicembre apre in Corso di Porta Ticinese 40 la nuova libreria-bar Verso. Due piani e 12mila titoli nel cuore della città, a due passi dalle Colonne di San Lorenzo e non lontano dalla darsena del Naviglio. In un quartiere vivace di giorno e di sera, un nuovo punto di incontro (indipendente) per gli amanti dei libri e della cultura. Mercoledì 9 dicembre è previsto un aperitivo inaugurale aperto a tutti a partire dalle ore 17.

verso1

I FONDATORI – Come sottolinea un comunicato, “a fondare Verso sono un gruppo di amici cresciuti tra librerie e locali”: Andrea Gessner, editore di nottetempo; Pietro Biancardi, editore di Iperborea; Tomaso Biancardi, scout letterario e traduttore; Alessandro Beretta, critico letterario, scrittore, direttore del Milano Film Festival; Lisa Sacerdote, photoeditor e autrice di progetti per la fotografia. A dirigere la libreria è Davide Mosca, scrittore, insieme a un team di giovani librai. “L’ispirazione di base è quella di una libreria-laboratorio che offra itinerari di lettura, occasioni di incontro e uno spazio di aggregazione intorno al mondo del libro”.

LE LIBRERIE INDIPENDENTI IN CITTA’ – Come sottolinea lo stesso comunicato, Verso nasce nel panorama in fermento delle librerie indipendenti milanesi, “dove si sono registrate diverse chiusure ( solo in questi ultimi mesi Le librerie del Corso e poco prima la Scientifica, MilanoLibri, Libreria di Brera), hanno cambiato sede la Libreria del Mondo Offeso e l’Utopia, ma contemporaneamente c’è chi continua a fare un ottimo lavoro e proporre un servizio di qualità da sempre nei rispettivi quartieri (come Lirus, Popolare, Trittico, Centofiori, solo per citarne alcune). Per fortuna c’è anche chi ha aperto con formule di successo: Gogol, Open, Il mio libro, BK, Parole e Pagine e altri ancora. Si può dire che il mercato stia costantemente cambiando: nel 2015, per la prima volta in decenni, le librerie indipendenti italiane hanno recuperato porzioni di mercato su catene e GDO, mentre in Europa e soprattutto negli Stati Uniti si parla da tempo della rinascita delle ‘indies’, che stanno riguadagnando terreno”.

L’OFFERTA – L’offerta di Verso si realizza in “una selezione accurata di marchi editoriali indipendenti di qualità presenti con ampiezza di catalogo e in un ventaglio di novità mainstream. La proposta sarà connotata da un rinnovamento continuo e originale: spesso sarà chiesto a scrittori, editori, intellettuali, critici, giornalisti, artisti di proporre alla clientela di Verso i loro libri più amati. Sarà continua anche la proposta tematica, legata a cicli di incontri, approfondimenti su culture e paesi, autori, luoghi, con rotazione settimanale. Verso ‘adotterà’ ciclicamente autori (contemporanei e classici) di cui proporrà non solo tutti i libri disponibili sul mercato ma anche approfondimenti e incontri”.

Oltre alla narrativa italiana e straniera, classica e contemporanea, per attirare anche il pubblico giovane che frequenta la zona nei week end, “avranno ampio spazio fumetti, graphic novel e illustrati. Una buona sezione di musica e cinema, un nutrito scaffale di libri su Milano e un angolo per quaderni scelti per scrivere”. Una stanza sarà riservata ai libri per l’infanzia (con laboratori e letture per bambini il pomeriggio e nei week end).

IL BAR – L’attività del bar si integra con quella della libreria: dal bancone a piano terra si sale ai tavolini del secondo ambiente, dove tra wi-fi libero, divani e poltrone si potranno fare una sosta o un appuntamento di lavoro, studiare, sorseggiare un caffè, una tisana di giorno, un bicchiere di vino (di produttori indipendenti accuratamente selezionati in diverse zone d’Italia), uno spritz, un drink e una birra la sera.

GLI INTERNI E LA GRAFICA – Lo spazio di Verso, studiato dagli architetti Bianca Rizzi e Francesca Rogers, “interpreta il carattere complesso e articolato del tipico tessuto del quartiere di Ticinese, trasformandolo in un percorso di piccoli mondi, separati fra loro, ma costruiti intorno al filo conduttore dei libri e di quello che vi accade intorno. L’idea di una libreria come spazio da vivere, un contenitore per esperienze diverse, previste o ancora da inventare, si è tradotto in un progetto di arredo flessibile, dove l’esposizione dei libri si adatterà di volta in volta per fare da sfondo alle situazioni che verranno. L’identità grafica di Verso e della comunicazione che scandirà il sito Internet e gli interni della libreria bar è stata curata da Obelo – Maia Sambonet e Claude Marzotto”.

ORARI – In inverno la libreria sarà aperta dalla domenica al giovedì dalle 10 alle 21 (orario continuato), e il venerdì e il sabato dalle 10 alle 24 (orario continuato).

Commenti