Il progetto "Copy in Milan" punta a rispondere alla crisi del settore e a lavorare sulle opportunità offerte da Expo...

Presentato questa mattina nel capoluogo lombardo “Copy in Milan”, progetto che si pone come obiettivo il riconoscimento e la valorizzazione dell’identità editoriale di Milano, con l’intento di farne la porta di comunicazione tra l’editoria italiana e le case editrici di tutto il mondo, attivando scambi di respiro globale tra i vari soggetti, pubblici e privati, che compongono la filiera editoriale.
“Copy in Milan”, realizzato dalla Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, è promosso dal Ministero degli  Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Centro  per il libro e la lettura in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori, con il sostegno di Fondazione Cariplo, Regione  Lombardia e Comune di Milano e con il patrocinio di Expo 2015.
Facendo leva sull’export e sull’internazionalità, sul “Copy in Italy” come fattore di ripresa e come risposta alla crisi di  settore, il progetto si propone sin d’ora di lavorare sulle opportunità offerte da Expo, per proseguire in una visione  prospettica di sviluppo economico e progettuale.
L’obiettivo principale è di realizzare spazi, prodotti e strumenti al servizio del distretto editoriale, favorire la formazione di nuove e vecchie professioni dell’editoria, facilitare il dialogo all’interno della filiera editoriale e tra questa e il contesto  socio-territoriale, creando sempre più interesse intorno al libro e alla lettura, e offrendo nel contempo opportunità  formative e professionali ai giovani.
“Copy in Milan” ad oggi ha attivato tre progetti:  Milan, a place to read, una mostra itinerante che prima e durante Expo 2015 circuiterà – grazie alla  collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – in Istituti Italiani  di cultura, Consolati e Ambasciate di tutto il mondo per tornare a Milano nel 2015;  BooksinItaly.it, il primo sito di promozione dell’editoria, della lingua e della cultura italiana nel mondo;  vero e proprio punto di riferimento e di informazione libraria ma, soprattutto, piattaforma di scambio e  di confronto di idee sulla diffusione dell’editoria italiana nel mondo, capace di raccogliere in un dibattito continuo tra professionisti del settore, progetti e punti di vista innovativi, e infine la creazione di uno spazio dedicato al mondo editoriale, un polo in via Formentini nel cuore di Brera,  messo a disposizione dal Comune di Milano, che ospiterà la sede della redazione di BooksinItaly, una sorta  di finestra dell’editoria italiana affacciata sul mondo che verrà inaugurata nell’aprile 2015, alla vigilia di Expo.

Commenti