Arisa parla con ilLibraio.it delle sue letture. La cantante, che si definisce una "lettrice disordinata", spiega tra l'altro perché tra i suoi scrittori preferiti c'è Alberto Moravia - L'intervista

La cantante Arisa, che si è fatta conoscere al grande pubblico con Sincerità nel 2009, parla con ilLibraio.it del suo rapporto con la lettura.

Rosalba Pippa, nata a Genova ma cresciuta in Basilicata, in campagna, per anni ha fatto l’estetista. Si muoveva in corriera, per andare a Potenza.
Oggi è impegnatissima: presto la vedremo alla conduzione di X Factor con Manuel Agnelli, Fedez e Alvaro Soler, che definisce “simpaticissimo”.

Una voce riconoscibile anche al telefono, affabile in occasione della nostra intervista per parlare di libri e letteratura.

Arisa di libri ne ha scritti due, pubblicati da Mondadori nel 2012 e nel 2013. Il primo, Il paradiso non è un granché “racconta la storia di Marisa, una ragazza a cui crollano tutte le sue sicurezze. Un romanzo di formazione per ragazzi grandicelli, dalla quinta superiore direi, visto che ci sono anche scene forti”. Tu eri tutto per me invece “ricorda Carnage di Roman Polanski, perché è ambientato in una sola stanza, nel corso di quattro giorni che però sembrano anni”.

E veniamo ad Arisa lettrice: la cantante si definisce “disordinata“. E spiega: “Compro tantissimi libri e poi ne leggo poche pagine, anche più e più volte”. Anche per quanto riguarda i temi delle sue letture, c’è grande varietà: “Ultimamente ho letto Il peso della farfalla di Erri De Luca, ma anche L’animale adolescente di Jan Weiler e L’eleganza del riccio di Muriel Barbery“.

“Però mi piace soprattutto la letteratura del Novecento, Moravia è uno dei miei autori preferiti, sia per come descrive i paesaggi che per come racconta i personaggi. Lo trovo crudo e sensuale allo stesso tempo”, confida la cantante.

X-Factor arisa

Tra i suoi libri da leggere, al momento, ci sono due testi sacri: il Corano, “perché mi sembra importante in questo momento capire di cosa parla”, e un libro sul sufismo, una religione secondo cui “Dio è dentro di noi”.

E veniamo al futuro di Arisa, per capire se ci sono anche nuovi progetti letterari in vista: “Mi piacerebbe riscrivere una fiaba classica in chiave moderna”. Per quanto riguarda le letture, invece, Arisa si dice interessata “agli audiolibri, perché sono come ascoltare la musica, non implicano un ascolto totale, ma lasciano tantissimo”.

 

(Visited 1 times, 1 visits today)

Commenti