il libro

Non avrete il mio odio

«Se ciò che chiamiamo Occidente ha un senso, questo senso palpita nelle parole con cui il signor Antoine Leiris si è rivolto ai terroristi che al Bataclan hanno ucciso sua moglie.»
Massimo Gramellini
« Venerdì sera avete rubato la vita di una creatura eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, ma non avrete il mio odio…Siamo in due, mio figlio e io, ma siamo più forti di tutti gli eserciti del mondo. Non ho altro tempo da dedicarvi, devo tornare da Melvil che si sveglia dal sonnellino. Ha soltanto diciassette mesi, farà merenda come ogni giorno, poi andremo a giocare come ogni giorno, e per tutta la vita questo ragazzo vi farà l’affronto di essere felice e libero. No, non avrete nemmeno il suo odio.»
Antoine Leiris
«Sei dentro il mio stomaco, Hélène. Sei mesi fa, Antoine aveva una moglie, un figlio piccolo e il sogno di scrivere un libro… Alla fine il libro lo ha scritto. Ma non è il libro che si aspettava. Non avrete il mio odio è un libro, breve, delicato, prezioso. Umano.»
Vanity Fair Ferdinando Cotugno
«Il bellissimo libro di Antoine Leiris che finora non aveva mai trovato il coraggio di scrivere "perché ho troppo rispetto per la sacralità della letteratura" è un viaggio nel lutto, nel tentativo di preservare dai terroristi, dalla bombe e dal mondo intero una bolla fatta di casa, vestiti, profumi e sorrisi di Antoine, Melvil e Hélène»
Corriere della sera Stefano Montefiori
ALL'INDOMANI DELLA STRAGE AL TEATRO BATACLAN DI PARIGI, UN UOMO RIMASTO VEDOVO SCRIVE UNA LETTERA AI TERRORISTI. LE SUE PAROLE SONO STATE RIPRESE DAI MAGGIORI GIORNALI INTERNAZIONALI E ADESSO SONO DIVENTATE UN LIBRO CHE USCIRÀ IN TUTTO IL MONDO.


Un libro così importante che a un mese dall'uscita il Corriere della Sera dice:
«È l’istantanea di un dolore: in questo sta la sua forza, quella di un uomo disarmato contro l’orrore (da qualsiasi parte provenga) eppure capace di ragionare e di esprimerlo.»



«Non avrete il mio odio» sono le parole di Antoine Leiris che il 17 novembre 2015 - all’indomani degli attentati di Parigi e della morte della moglie al Bataclan – Facebook ha diffuso nel mondo intero. Leiris, rimasto vedovo con un bimbo di diciassette mesi, prosegue in questo libro il «diario» di quei giorni. Le sue sono parole molto misurate - private e non politiche -, parole sobrie che travalicano l’evento in sé e che raccontano un lutto atroce, i mprovviso, il senso di perdita, il legame vitale con il figlio e i suoi timori per lui, lo smarrimento, il nuovo modo di dover guardare al mondo. È l’istantanea di un dolore, in questo sta la sua forza, quella di un uomo disarmato contro l’orrore (da qualsiasi parte provenga) eppure capace di ragionare e di esprimerlo.
Titolo
Non avrete il mio odio
ISBN
9788867001835
Autore
Collana
Casa Editrice
CORBACCIO
Dettagli
128 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Non avrete il mio odio

Non avrete il mio odio

A. Leiris

ALL'INDOMANI DELLA STRAGE AL TEATRO BATACLAN DI PARIGI, UN UOMO RIMASTO VEDOVO SCRIVE UNA LETTERA AI TERRORISTI. LE SUE PAROLE…

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 65 times, 34 visits today)