Ex barista, separato, da 3 anni vive in strada, a Milano. Poi, un giorno, per caso, Walter si è appassionato alle storie di Montalbano ("prima non avevo mai letto un libro tutto intero"). E quando, grazie a una foto, lo scrittore siciliano Camilleri ha scoperto la sua storia, ha deciso di fargli un regalo...

Vive a due passi del Duomo di Milano, sotto un portico, al gelo invernale. A coprirlo, come purtroppo avviene a tanti clochard, non certo solo nel capoluogo lombardo, un foglio di cartone e un sacco a pelo. La storia del 53enne Walter (faceva il barista, è stato licenziato, poi si è separato e da tre anni vive in strada, non accettando di fermarsi in un dormitorio pubblico) è raccontata da Repubblica. Walter si è imbattuto per caso nei romanzi di Andrea Camilleri con protagonista il commissario Montalbano, e ha così scoperto il conforto che può arrivare dalla lettura.

“Qualche tempo fa, ho trovato su un marciapiede un libro di Camilleri. Non lo conoscevo come autore. Anzi, prima di quel giorno non avevo mai letto un libro tutto intero. Ho cominciato a darci un’occhiata. La storia mi ha preso subito. E da allora non mi sono più fermato. Ne leggo almeno uno al giorno. Il tempo non mi manca”, ha raccontato il clochard al quotidiano.

walter
La foto di Walter che legge Camilleri (fonte: Twitter)

L’agente di Camilleri ha riferito allo scrittore questa storia, e l’autore siciliano è rimasto colpito: “Mi hanno raccontato di una foto che mostra un clochard che legge un mio romanzo. Spesso mi chiedono a cosa serve la letteratura. Ecco questo è un bellissimo esempio. Serve, almeno per un momento, a far dimenticare il mondo che sta attorno, e a trasportarti in un’altra dimensione”.

D’accordo con la casa editrice Sellerio, verrà così fatta una sorpresa a Walter, che non sapeva nulla e che riceverà altri suoi libri in dono. Quando il clochard ha appreso la notizia, ha spiegato con sincerità: “Il problema è che io non ho casa, quindi leggo volentieri. Ma quando ho finito, li devo lasciare in giro. Non ho certo posto per tenerli. Ma così almeno, qualcun altro avrà lo stesso piacere che ho avuto io…”.


LEGGI ANCHE – Il bestseller scritto dal clochard, che (per ora) continua a vivere per strada 

Commenti