"Controcorrente" di Alice Keller e Veronica Truttero è un libro illustrato per bambini che parla di donne tenaci, sfide e sport. A partire dalla storia vera di Gertrude Ederle. Che nel 1926, dopo 14 ore e 34 minuti di nuoto, porta a termine l'impresa di attraversare la Manica

“L’unica che non se lo chiedeva, da dove potessi essere uscita, era mia cugina. Si chiamava Gertrude, veniva da New York, ed era più grande di me di dieci anni. Aveva esattamente la stessa età di Margaret la quale, ogni volta che la vedeva, storceva il naso e girava la testa dall’altra parte…”.

Emily non è una bambina come la altre e non ha una cugina come le altre. Gertrude infatti è una campionessa di nuoto, che si è messa in testa di attraversare la Manica, sfidando pregiudizi e difficoltà. Anche Emily scopre la sua passione per questo sport e ha la sua personale sfida da affrontare: la sua famiglia la vorrebbe tutta pizzi e nastrini, ma il suo sogno è attraversare il lago a nuoto da sola. La tenacia e la forza di Gertrude saranno il suo punto di forza per raggiungere i suoi obiettivi.

A metà tra fumetto e albo illustrato Controcorrente (Sinnos) di Alice Keller e Veronica Truttero racconta di donne tenaci, sfide e sport. Gertrude Ederle (nella foto grande, ndr) è un personaggio realmente esistito: nel 1924 – a diciannove anni – partecipa ai Giochi Olimpici di Parigi e sale sul podio per ben tre volte. Nel 1926, dopo 14 ore e 34 minuti di nuoto, porta finalmente a termine l’impresa (già tentata una volta) di attraversare la Manica, stabilendo il record femminile che resterà imbattuto per ben 24 anni.

Le autrici hanno pubblicato con Sinnos Hai preso tutto? e Di becco in becco e sono titolari della libreria per ragazzi Momo di Ravenna. Hanno anche fondato il giornale per bambini “Lo Spunk”.

Commenti