copertina Adelchi

Adelchi

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Introduzione di Pietro Gibellini
Prefazione e note di Sergio Blazina

Nell’Adelchi (1820-22) Manzoni mette in scena una vasta ricostruzione storica degli avvenimenti che hanno preceduto il crollo del regno longobardo in Italia tra il 772 e il 774, travolto dall’avanzata vittoriosa dei franchi. La ragion di stato, incarnata da Carlo Magno, ha leggi ferree che possono solo essere accettate o respinte e non conosce altro rapporto che tra dominatori e dominati, cosicché all’uomo «non resta che far torto, o patirlo». Ma il principe Adelchi, figlio del re longobardo Desiderio, non sa adeguarsi alla logica del potere: al mondo barbarico che si regge sulla conquista, il tradimento e l’oppressione, egli oppone la fedeltà che non si piega al compromesso, l’affetto, la pietà, la ricerca della pace, e come un antico eroe sceglie consapevolmente la propria sconfitta. La tragedia, qui proposta insieme agli appunti preparatori per l’incompiuto Spartaco, segna il punto di arrivo del pessimismo manzoniano sulla storia come dominio dell’ingiustizia e della violenza: all’intensa pietà per i vinti e i vincitori l’autore unisce la dolorosa commiserazione verso il popolo italiano straziato dagli invasori stranieri.

  • ISBN: 8811364302
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 208

Dove trovarlo

€9,00

Recensioni

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai