L'ultima fermata

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

La storia del ricco sessantacinquenne armeno-newyorkese che all’improvviso, spinto da un impulso oscuro, «pianta tutto » (business moglie amante) e parte per un viaggio à rebours che, attraverso mezzo mondo, lo conduce prima a Vienna e a Venezia e poi, addirittura, a imbarcarsi sull’Orient-Express, il mitico treno di lusso appena restaurato, è l’«occasione romanzesca » di cui, in questo libro esigente e originale, Gregor von Rezzori si serve per delineare con efficacia quello che sembra essere il tratto caratteristico del nostro Occidente satollo e impaurito: l’impossibilità del destino individuale.
In un mondo ormai del tutto omologato, dove ogni realtà è perfettamente riproducibile, e quindi fungibile, anche le cosiddette «crisi esistenziali» seguono un andamento comune e prevedibile, attraverso luoghi a loro volta comuni e prevedibili. Così alla Venezia del mito, quella di Byron e di D’Annunzio, di Goethe e di Thomas Mann, si sovrappone l’attuale, percorsa da orde di inconsapevoli consumatori di cultura, e al leggendario treno di lusso dei romanzi di Dekobra e di Agatha Christie si affianca quello di adesso, perfettamente riprodotto per essere adibito a una lucrosa «operazione nostalgia».
La straordinaria capacità del narratore di muoversi in equilibrio tra rievocazione sentimentale e critica aspra e derisoria del presente – nonché di quella stessa inclinazione nostalgica – fa di questo romanzo un documento della nostra crisi, che tuttavia non rinuncia a suggerirci episodiche possibilità di attingere ancora, dalla nostra realtà contemporanea, frammenti di eternità.

  • ISBN: 8823514657
  • Casa Editrice: Guanda
  • Pagine: 252

Dove trovarlo

€20,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai