Quando la libraia Filomena Grimaldi propone ai clienti di regalare alle bambine libri scientifici, la risposta è sempre la stessa: "È una femminuccia". E così (grazie alla sorella) è arrivata questa provocazione per combattere gli stereotipi: "Devo stare attenta anche quando impacchetto il libro. Se il fiocco è arancione ed è per un maschio mi chiedono di cambiarlo in verde o blu"

Ci siamo già occupati di Filomena Grimaldi, persona appassionata e coraggiosa, che ha aperto a Telese (Benevento) la libreria Controvento nel 2013, e che ha vinto il Premio Gianna e Roberto Denti 2016 alla libreria per ragazzi dell’anno. 

Ora, come racconta l’edizione locale di Repubblica, Filomena ha iniziato una “battaglia” contro i pregiudizi: molto raramente, infatti, si regalano libri scientifici alle bambine. E quando la libraia propone ai clienti questa opzione, spesso la risposta degli adulti è: “È una femminuccia”. E così, invece dei libri scientifici, alle bambine quasi sempre vengono regalate le classiche fiabe sulle principesse.


LEGGI ANCHE –  L’impegno e l’entusiasmo di Filomena, una grande libraia nel “deserto” del Sud 

Così, adesso nella libreria Controvento si trova un cartello, affisso dalla sorella di Filomena Grimaldi, in cui si promette un caffè in regalo a chi acquista libri scientifici per le bambine. “Una piccola provocazione”, spiega Filomena, che aggiunge: “Ho lavorato in diverse librerie in Toscana, Umbria e Lombardia e ovunque avevo difficoltà a suggerire per una bambina un libro sulla natura o che parlasse di animali. È un problema a Nord come a Sud Italia, ma non all’estero. A Londra, dove vivono mia sorella e la mia nipotina, i bambini e le bambine sono esposti ad ogni genere di stimolo culturale”.

LEGGI ANCHE – Il “gioco del rispetto” e una lista di libri per bambini per superare gli stereotipi 

Sempre a proposito di stereotipi, la libraia fa notare: “Devo stare attenta anche quando impacchetto il libro. Se il fiocco è arancione ed è per un maschio mi chiedono di cambiarlo in verde o blu”.

Commenti