Il "Gioco del rispetto" è un progetto per le scuole nato nel 2015 che punta a educare i bambini a superare gli stereotipi sui ruoli di genere. Sul sito è disponibile anche una lista di letture consigliate per avvicinare in modo divertente alla parità di genere...

Il “Gioco del rispetto” è un interessante progetto nato nel 2015 grazie a un team di lavoro multidisciplinare, con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia, con obiettivi urgenti e ambiziosi: “È possibile giocare e nello stesso tempo veicolare il valore dell’uguaglianza e delle pari opportunità?”, ci si chiede sul sito ufficiale. Per gli ideatori la risposta è ovviamente sì. Superare gli stereotipi sui ruoli di genere, che “sono generalizzazioni semplicistiche su quello che significa essere uomini e donne in una società”, è dunque possibile. Ma si tratta di una battaglia non semplice: bambini e bambine, infatti, “vengono educati a ruoli di genere stereotipati fin da piccolissimi/e; l’industria e il marketing dei giocattoli ne offrono esempi molto chiari”.

Peccato però che, come racconta l’Huffington Post, il nuovo sindaco di Trieste Roberto Dipiazza (tra le prime città in cui il progetto era stato sviluppato) abbia voluto abolire il “gioco del rispetto”. Dopo gli attacchi dei mesi scorsi da parte dei promotori del Family Day e dell’associazione Generazione Famiglia, è arrivata la decisione, assai discutibile, del sindaco.

gioco del rispetto

Sempre sul sito ufficiale Giocodelrispetto.org, è disponibile un’utile “piccola biblioteca”, una lista di libri per leggere “senza stereotipi”. La riproponiamo qui di seguito, buone letture!

-Beerli V. (2004). Belle, Astute e coraggiose. Otto storie di eroine. Torino: Einaudi Ragazzi.

-Bichonnier, H. (1996). Il Mostro peloso. Torino: Einaudi Ragazzi.

-Blundell Tony, Attenti alle ragazze, Emme, San Dorligo della Valle, 2002.

-Colli, M. & Colli, R. (2006). Storia incredibile di due principesse che sono arcistufe di essere oppresse. Roma: EdizioniLapis.

-Diaz Reguera, R. (2013). C’è qualcosa di più noioso che essere una principessa rosa? Edizioni Settenove Donaldson Julia, Superverme, EL, San Dorligo della Valle, 2013.

-Facchini Vittoria, Piselli e farfalline…sono più belli i maschi o le bambine?, Fatatrac, Firenze, 1999.

-Falconeri Ian., Olivia, Giannino Stoppani edizioni, Bologna, 2000.

-Gay‐Para, P. & Saillard, R. (2013). Andiamo Papà. Firenze: Edizioni Clichy.

-Jadoul, E. (2013). Le mani di papà. Milano: Edizioni Babalibri.

-Janisch Heinz; Wolfsgruber Linda, La principessa sulla zucca, edizioni Arka, Milano, 1998.

-Kemp, A. & Ogilvie, S. (2007). Principessa ribelle. Milano: Edizioni Nord sud.

-Kempter, C. I. (2005). La principessa con gli stivali da brigante. Milano: Editrice IdeeAli.

-Lindgren, A. (1988). Pippi Calzelunghe. Milano: Editore Salani.

-Masini, B. (2006). La bambina di burro e altre storie di bambini strani. Torino: Edizioni Einaudi Ragazzi.

-Naumann-Villemin Christine. Sono una principessa!, Il Castoro Bambini, Milano, 2003.

-Pitzorno, B.(1985). L’incredibile storia di Lavinia. Trieste: Edizioni EL.

-Pitzorno, B. (1991). Extraterrestre alla pari. Torino: Edizione Einaudi.

-Pitzorno, B. (1992). La bambina col falcone. Editore Mondadori.

-Rinck, M. & Van Der Linden, M. (2007). Una principessa al bacio. Milano: Edizioni Lemniscaat.

-Senoleben, K. (2005). La principessa che voleva diventare cavaliere. Milano: Editrice IdeeAli.

-Schubiger, J. & Erlbrunch, W. (2013). Due che si amano. Roma: Edizioni e/o.

-Solotareff Grégoire, Lulù, Rizzoli, Milano, 2010.

-Stephens Helen, Come nascondere un leone, Nord-Sud, Milano, 2012.

-Tullet Hervé, Il gioco del circo delle vermidita, ElectaKids, Milano, 2013.

-Io sono Blop!, ElectaKids, Milano, 2013.

-Senza titolo, Franco Panini Ragazzi, Modena, 2013.

-Turin Adela, Rosaconfetto e le altre storie, Motta junior (collana i Velieri), Firenze, 2009.

-Verita, R. (2000). Con la testa tra le favole. Trento: Edizioni Erickson.


LEGGI ANCHE – Case editrici per bambini, la storia di Settenove: “Educhiamo al rispetto per le donne” 

Commenti