Mosul (Iraq): i militanti hanno distrutto e saccheggiato diverse biblioteche della città - I dettagli

Già ci eravamo occupati delle biblioteche saccheggiate dai militanti dell‘Isis in Iraq, dove nelle scorse settimane sono anche arrestati anche dei librai “colpevoli” di vendere nella loro bancarelle testi cristiani. La situazione è peggiorata, se possibile. Stando all’Independent, infatti, sarebbero stati distrutti finora circa 112mila tra manoscritti (alcuni molto rari), libri e documenti delle biblioteche di Mosul. Molti di questi volumi erano patrimonio Unesco.

Non solo: la biblioteca centrale della città, inaugurata nel 1921, è stata bruciata (era stata saccheggiata già nel 2003). I militanti avrebbero usato degli esplosivi “improvvisati”. In particolare, il rogo avrebbe coinvolto sia testi scientifici sia letterari.

Sempre a Mosul sarebbero state danneggiate, tra le altre, la biblioteca musulmana sunnita e la Biblioteca del Museo di Mosul.


Un rogo di libri da parte dei nazisti nel 1933 in Germania

LEGGI ANCHE:

Donne rapite e schiavizzate, i combattenti dell’Isis come i nazisti?

 

 

Commenti