Venerdì notte, durante i tragici attacchi terroristici a Parigi, che hanno scosso non solo la Francia ma tutto il mondo, anche una celebre libreria parigina, Shakespeare and Company, è diventata un "rifugio" per una ventina di clienti...

Venerdì notte, durante i tragici attacchi terroristici a Parigi, che hanno scosso non solo la Francia ma tutto il mondo, anche una celebre libreria parigina, Shakespeare and Company, è diventata un “rifugio” per una ventina di clienti.

Lo ha raccontato sul Guardian la scrittrice Harriet Alida Lye, che in queste settimane vive nella libreria:
“Siamo al sicuro in libreria, con le finestre oscurate. Ci sono circa venti clienti con noi, e da ore stanno chiamando casa. Nel frattempo, le auto della polizia passano…”. La storia è stata raccontata da Buzzfeed, e ha fatto il giro della rete.


LEGGI ANCHE – Alla mattanza di Parigi non rispondiamo con altro odio – La riflessione del biblista Alberto Maggi

 

Proprio al sito Usa, la libraia Rose Alana Frith ha spiegato: “Shakespeare and Company Bookshop ha sempre agito come un luogo sicuro per molti, come un rifugio caldo dalla realtà, e, la scorsa notte, come un rifugio dalle atrocità”.

LEGGI ANCHE – Parigi, la storia della celebre libreria “Shakespeare and Company”, che apre un caffè con “menù letterari”

Commenti