Come far amare il latino ai ragazzi? Da Como le sperimentazioni di un professore che sorprende i suoi studenti chiedendo loro di tradurre i testi delle canzoni...

Come far amare il latino ai ragazzi? Il Corriere della Sera racconta la storia del professor Gennaro Amandonico, che ai suoi alunni di quarta del liceo scientifico Paolo Giovio di Como ha proposto di tradurre in latino un testo davvero particolare, uno dei tormentoni dell’estate, Andiamo a comandare di Rovazzi. Quando gli studenti hanno capito che avrebbero dovuto tradurre una canzone, non hanno nascosto la sorpresa.

LEGGI ANCHE – Perché, da Oxford, difendo lo studio del latino, che in Italia molti vorrebbero abolire – di Nicola Gardini 

Amandonico, che lavora nella scuola da ormai vent’anni, non è nuovo a queste “sperimentazioni”, e in passato ha già fatto tradurre brani di Jovanotti e Vasco Rossi. “Mi interessa che gli studenti entrino in classe serenamente, cerco di metterli a loro agio. Così agli autori classici, che costituiscono la maggior parte del programma, mescolo qualcosa di attuale”, spiega.


LEGGI ANCHE – A che serve il latino? Un saggio sulla bellezza di una lingua “inutile”

Commentando la notizia, Paolo Di Stefano ricorda che “il gioco è una componente essenziale dell’insegnamento”, dunque è “utile” familiarizzare con il latino partendo dalle canzonette. Senza, però, dimenticare che tradurre i classici, da Cicerone a Seneca, passando per Livio e Tacito, è un’altra cosa.

(Visited 135 times, 58 visits today)

Commenti