"Nel parco romano dove si trova la prima 'Little Free Library' d'Italia ora accadono cose belle: la gente prende e porta libri, si siede a leggere, organizza feste e pic-nic con i bambini accanto alla casetta dei libri. Una piccola oasi in mezzo al caos". Scopri la storia di queste vere e proprie "biblioteche green" che dagli Usa sono arrivate in Europa...

Abbiamo dedicato uno speciale alle biblioteche e librerie all’aperto più belle, e uno alle svariate forme di BookCrossing in giro per il mondo; questa volta vi parliamo delle “Little Free Library”, progetto  che, dopo Berlino e Roma, potrebbe arrivare anche a Milano.

Di cosa si tratta? L’idea è partita dagli Usa, dove Todd Bol ha costruito nel 2009 la prima “Little Free Library”, una cassetta (come quelle utilizzate per gli uccelli o i pipistrelli) che ospita libri accessibili a tutti, gratuitamente; con un altro americano, Rick Brooks, ha creato la prima rete che cataloga e associa tutte quelle esistenti nel mondo.

A Berlino, come avevamo raccontato nell’articolo sul BookCrossing, le Little Free Libraries sono state ricavate nei tronchi degli alberi morti, in modo da avere più spazio e da simulare una vera e propria biblioteca naturale a impatto zero, la cosiddetta Book Forest.

flickr-berlino

In Islanda, a Reykjavík, dal 2013 ce n’è una nei pressi di parco Tjörnin, vicino alla statua commemorativa dell’artista Bertel Thorvaldsen: inizialmente ha contribuito alla diffusione di 55 libri, alcuni dei quali donati da scrittori locali.

A lovely place to sit and enjoy a good book.

In Italia il primo esempio risale al giugno 2012, quando l’insegnante Giovanna Iorio ha installato la prima casetta nel parco dell’Inviolatella Borghese, nel quartiere di Vigna Clara, a Roma. ilLibraio.it l’ha intervistata.

Cosa l’ha spinta a realizzare questo progetto?
“Trovare dei libri in un parco urbano è un po’ come vedere un’oasi. Mi piaceva l’idea di cambiare il paesaggio. E il paesaggio cambia le persone, le trasforma. A Roma non c’era questa possibilità e io vivo qui. L’ho fatto anche per me, naturalmente”.

Come sta andando dal punto di vista dei fruitori?
“Nel parco romano dove si trova la prima Little Free Library d’Italia ora accadono cose belle: la gente prende e porta libri, si siede a leggere, organizza feste e pic-nic con i bambini accanto alla casetta dei libri. Una piccola oasi in mezzo al caos”.

Conosce qualcuno che a partire dalla sua iniziativa ha deciso di fare qualcosa di simile?
“Ci sono tantissime persone che mi hanno scritto per chiedermi suggerimenti o consigli: ho sempre risposto e adesso so che hanno una Little Free Library nella loro città. Ho anche creato un blog che si chiama Little Free Library Italy dove cerco di dare suggerimenti con una mini guida per realizzarne una in cinque passi. Ci vuole molto tempo per aggiornarlo, ma sto mettendo insieme un database con tutte le Little Free Library italiane. Siamo davvero tantissimi adesso ed è una grande soddisfazione. Mi piacerebbe organizzare un una serie di iniziative legate alle Little Free Library da fare tutti insieme. Intanto il 23 aprile in occasione della giornata mondiale della lettura c’è un evento presso la Little Free Library a Roma”.

LFL Vigna Clara

Da Roma alla provincia di Milano: a Corbetta, nel giugno 2012, il comune ha inaugurato la Corbetta Free Library: regolarmente registrata sul portale di Bol e Brooks con il numero 1774, è la prima casetta al mondo ad appartenere a una biblioteca pubblica (è, infatti, collocata nell’aiuola antistante l’edificio della biblioteca), è la terza Free Library d’Italia e la sesta d’Europa.

Tutti questi esempi virtuosi hanno portato alla progettazione del Parco delle lettere, di cui ha scritto recentemente il Corriere della Sera nell’edizione di Milano: “In città, le onlus Quarto Paesaggio e Milano Makers, con il Dipartimento di Design del Politecnico e il sostegno del Comune, hanno progettato il Parco delle lettere. Immaginano salotti in mezzo ai prati, biblioteche sotto gli alberi, angoli all’aperto con panche ergonomiche, per sfogliare libri e giornali. Biblioteche diffuse, discrete: ai giardini del parco Sempione e della Chiesa Rossa, in via Vettabbia, alle serre del Wwf in zona Garibaldi, al parco Teramo alla Barona e sotto i nuovi grattacieli di Porta Nuova, lì dove sorgerà la Biblioteca degli alberi. Fantasie e sogni partono da un’idea che si fa strada: leggere, oggi, è sempre più condividere”.

LEGGI ANCHE:

BookCrossing, giro del mondo alla ricerca dei “modi” più sorprendenti – Foto

La nuova vita delle cabine telefoniche: dentro si trovano i libri

 

 

(Visited 2.422 times, 1.134 visits today)

Commenti