Per ricordare (e omaggiare) il grande regista, scomparso a 92 anni, IlLibraio.it ha scelto le sue opere tratte da Emilio Lussu, Leonardo Sciascia e Carlo Levi

 

Titolo: Uomini contro (1970)
Tratto da: Un anno sull’Altipiano (1945) di Emilio Lussu
Nelle parole del regista: «Ho cercato di avere una visione molto rigorosa della realtà, descrivendo quella vita infernale delle trincee da un punto di vista proprio del comportamento umano. I contadini subivano quella guerra [la prima guerra mondiale (n.d.r)] come si subisce una calamità naturale. Non sapevano nemmeno per cosa e per chi stessero combattendo».

 

Titolo: Cadaveri eccellenti (1976)
Tratto da: Il contesto (1971) di Leonardo Sciascia
Nelle parole del regista: «L’apporto della fantasia in questo caso non è che il risultato della combinazione tra diversi elementi che si possono cogliere nella realtà. La sensibilità di un autore, scrittore o regista non dispone di facoltà divinatorie, bensì di possibilità di percezione, che consentono di mettere insieme alcuni elementi di una realtà e prospettare quello che potrebbe essere lo sviluppo futuro di questa realtà.»

 

Titolo: Cristo si è fermato a Eboli (1979)
Tratto da: Cristo si è fermato a Eboli (1945) di Carlo Levi
Nelle parole del regista: «[Ho usato] l’autore del romanzo come filo conduttore, come narratore di questa straordinaria avventura umana nata dall’incontro tra un uomo del Nord, confinato politico, antifascista, medico, nonché pittore, scrittore, e poeta, e un piccolo villaggio del più profondo e abbandonato Sud, che era la Lucania, con la conseguente scoperta di un mondo del quale lui si sente subito fratello.»

Commenti