Articolo

Tik Tok, avanguardia

Se è vero che degli anni zero non rimarrà nulla, di quelli che abbiamo imparato a chiamare dieci qualcosa resterà; e a quanto pare sono i selfie. L’iperbole è apparente: è la selfie decade e nel nuovo normale dove la realtà supera, per precisione e per bizzaria, la finzione, il selfie sta per una cultura in cui…

Articolo

Rodrigo Fresán – Roberto Bolaño, un gioco di specchi

Rodrigo Fresán, nato argentino, morto – spera, dice, se tutto andrà bene – scrittore, fino a pochissimo tempo fa in Italia esisteva soltanto nel modo che più gli si addice, e che forse apprezzerebbe di più (fatto salvo per qualche virtuoso delle bancarelle). Vale a dire come essere di finzione; come…

Articolo

Jia Tolentino attraversa lo specchio

C’è un’inflessione immediatamente contemporanea nella voce di Jia Tolentino, giornalista trentenne del New Yorker (in precedenza a The Hairpin e Jezebel) all’esordio con Trick Mirror, Reflections on Self-Delusion (Penguin Random House — in Italia verrà pubblicato la prossima primavera da NR edizioni, nella…

Articolo

Il suono che fa una cultura quando brucia: “Rap” di Cesare Alemanni

Andiamo subito dritti al punto. Rap. Una storia, due Americhe, scritto da Cesare Alemanni, pubblicato da minimum fax è un libro che, senza imbarazzi e senza che siano per forza iperboli buone per le fascette promozionali, si può definire: appassionato, necessario (si usa quasi sempre a sproposito, ma è una questione…

Articolo

Lo spettro di Mark Fisher

Nel mondo culturale ogni tanto saltano fuori dei culti, o meglio degli amori, che si accendono come scintille, come ondate o come la forma di un contagio. Wallace, la sua lunghissima caduta nell’orizzonte degli eventi di un buco nero coi denti. Bolaño e l’eroismo, la generosità, la nostalgia di chi sceglie di…