Articolo

Dante e le voci dei dannati

Dante nell’Inferno è sperduto, e non possiamo certo biasimarlo: è un vivo, l’unico, in una folla di morti. Ci sono momenti in cui l’orrore di questa condizione lo sopraffà – e infatti non solo sviene ogni due per tre, ma si trova anche a dover fronteggiare un assoluto spaesamento: allora, come un bambino,…

Articolo

Letture segrete e pomeriggi d’estate: un’educazione sentimentale

Mi sono chiesta spesso – anzi, mi chiedo spesso – di quante mai minuscole influenze, spiate appena, qualche volta solo sfiorate, qualche altra ossessive e martellanti come le fissazioni dell’infanzia e dell’adolescenza, sia fatta l’educazione sentimentale di una persona qualsiasi, nella sua parte più…

Articolo

Un mondo non del tutto perduto: passeggiata in una Parigi d’altri tempi

C'è una cosa che mi piace fare, soprattutto quando ho la sensazione di poter sperperare un po' di tempo: apro Google Street View e, con la guida del suo ometto stilizzato, torno a visitare le strade per cui ho camminato, a vedere le case in cui ho abitato; oppure mi butto a scoprire posti in cui non ho mai messo…

Articolo

Il bambino randagio: rileggere da adulti “Le avventure di Oliver Twist”

Il primo bambino ad aver avuto un ruolo da protagonista in un romanzo inglese è un bambino randagio. Perché il primo romanzo inglese con un bambino per protagonista non fa parte di quel filone di libri meravigliosi che hanno fondato un’idea di infanzia, come la definisce Nadia Terranova in un suo piccolo volume da…