Bruce Springsteen è in tour in Italia, dove è amatissimo. Ecco cosa legge il "Boss", che è anche un appassionato lettore: dal "Mago di Oz" a "Pastorale americana"...

Bruce Springsteen, l’amatissimo “Boss” del folk rock, è in tour in Italia. Il 5 luglio torna a Milano, allo stadio di San Siro, poi il 16 al Circo Massimo di Roma. Oltre che un musicista molto dotato e amato dal pubblico, Springsteen è anche un grande lettore, ma come ha recentemente raccontato in un’intervista al New York Times ha iniziato a leggere regolarmente solo tra i 28 e i 29 anni.

Tra gli autori letti in quel periodo ricorda Flannery O’Connor, James M. Cain, John Cheever, Sherwood Anderson. E gli autori di noir che hanno influenzato la sua musica, portando “una vena di oscurità nella scrittura”. Ma molti anni prima, quando era ancora bambino, ha iniziato la sua “carriera da lettore” con Il mago di Oz.

libri bruce springsteen

Il Boss racconta di aver letto da poco Moby Dick, “un libro che avrei voluto non finisse mai e che racconta così tanto sulle balene”, e L’amore ai tempi del colera di Gabriel Garcia Marquez.

Tra i suoi autori preferiti cita Checov, Tolstoj e Dostoevskij, autori di alcuni dei suoi romanzi preferiti, come Anna Karenina e i Fratelli Karamazov. Tra i contemporanei ama molto Philp Roth, di cui ha letto Pastorale Americana e Ho sposato un comunista, “per il suo senso dell’umorismo”. E anche Richard Ford, “per il modo in cui racconta il New Jersey”, stato in cui è nato lo stesso Springsteen.

“L’estate mi fa sempre venire voglia di prendere in mano Foglie d’erba di Whitman e mettermi a leggerlo sul portico di casa”, ha poi svelato il musicista, amatissimo in Italia.

laStrada

Cormac McCarthy, invece, ha fatto piangere il Boss con La strada, la difficile storia di un padre e di un figlio alla ricerca di una nuova vita alla fine del mondo. Dello stesso autore Meridiano di sangue, uno dei libri preferiti di Springsteen che lo definisce come un miscuglio di “Faulkner e Spaghetti western alla Sergio Leone”.

Il Boss legge anche testi di filosofia, come Bertrand Russel di cui ha molto apprezzato Storia della filosofia occidentale.

libri bruce springsteen

Si appassiona anche di cosmologia e di libri sul baseball, per quanto riguarda invece le opere scritte da colleghi musicist cita Chronicles, l’autobiografia di Bob Dylan, Life di Keith Richards e l’autobiografia di Eric Clapton.

Uno dei libri che gli piacerebbe leggere presto è Le avventure di Augie March di Saul Bellow e La valle dell’Eden di Steinbeck, da cui Elia Kazan ha tratto l’omonimo film con James Dean.

 

 

Commenti