"Fiabe islandesi" riunisce in un volume fiabe, miti e leggende dell'Islanda antica. Tramandati oralmente per generazioni e solo poi scritti, questi racconti trasmettono una visione della natura come un tutto vivente, mescolando sacro e profano

Fiabe islandesi (Iperborea) è il terzo volume, dopo Fiabe Lapponi e Fiabe Danesi, della serie curata da Bruno Berni, che la casa editrice Iperborea dedica alle fiabe nordiche. Una selezione che attinge rigorosamente alle prime raccolte scritte di questi racconti tramandati oralmente, volta a offrire un’immagine del patrimonio di tradizioni, miti e leggende di questi paesi.

fiabe islandesi

Fiabe Islandesi è una raccolta inedita di fiabe, miti e leggende dell’Islanda. Racconti tramandati per generazioni e qui proposti nelle loro prime versioni scritte, nel rispetto di tutta la loro affascinante originalità. Un’originalità che nella lontana e incontaminata Islanda si è potuta preservare meglio che altrove, rivelando le radici della cultura e dell’immaginario di questo paese.

Storie di contadini e avventurieri, di spiriti silvestri e di quei fantasmi che riempiono i silenzi magici della terra di ghiaccio e fuoco. Storie su una natura «vivente», che spesso nascono per spiegare l’origine di luoghi particolari – un villaggio, uno scoglio bizzarro, una grotta di lava – tanto da poterle mappare geograficamente. Storie che mischiano il sacro e il profano, raccontando per esempio l’origine degli elfi, i «figli sporchi» che Eva non è riuscita a lavare prima di una visita di Dio, e da allora si sono tenuti al riparo da ogni sguardo, diventando «il popolo nascosto».

islanda

LEGGI ANCHE – In viaggio attraversa l’Islanda: la saga di Stefánsson continua


LEGGI ANCHE –  Islanda: terra di vulcani, scrittori, lettori e… calciatori 

Commenti