Nel 1946 Leo Longanesi fondò una rivista culturale graficamente innovativa, che aggiornava i lettori "sulla migliore produzione letteraria del mondo". Tra i collaboratori, Moravia, Morante e Montanelli...

In fondo, il nuovo sito del Libraio, aperto a tutti gli autori e a tutti gli editori, è anche un ritorno alle origini, alla rivista mensile fondata nel 1946, a Milano, da Leo Longanesi, che la diresse fino al 1949. A quel mensile collaborarono firme del calibro di Alberto Moravia, Giovanni Comisso, Elsa Morante e Indro Montanelli, solo per citarne quattro.

Intellettuali, scrittori, giornalisti furono gli animatori di una vera e propria rivista culturale, che non si trovava nelle edicole e che veniva distribuita nelle librerie e venduta in abbonamento. E un ruolo importante era giocato dalla grafica, curata dallo stesso editore-direttore.

La rivista, ricca di immagini (erano presenti veri e propri servizi fotografici), costava 10 lire e, come si legge nel volume “Leo Longanesi – Editore, scrittore, artista – 1905-1957”), aggiornava i lettori “sulla migliore produzione letteraria nel mondo”. Infatti, non si limitava “a illustrare la produzione della casa editrice (Longanesi, ndr)” ma, “per allargare l’interesse con un po’ di varietà”, ospitava anche rubriche (tra cui Il Giardino dei Supplizi, Notiziario, Corriere del Libraio, Il decano dei librai, Il vizio dei premi) in cui dava notizie “nel campo della cultura internazionale” e manteneva “rapporti e discussioni con gli autori più interessanti o da poco esordienti”. Non solo: Il Libraio dava spazio al cinema e alla tecnica libraria.

Nel 1947 Longanesi lasciò a Giovanni Ansaldo la cura della rivista, che poi chiuse nel ’49 per dedicarsi ad altri progetti. Nel 1989 l’allora gruppo Longanesi (attuale GeMS) decise di rilanciarla, e attualmente Il Libraio esce cinque volte l’anno ed è distribuito gratuitamente nelle librerie. Ora il viaggio riparte, (anche) in rete…

Il primo numero del secondo anno di vita della rivista Il Libraio (15 gennaio 1947)
Il primo numero del secondo anno di vita della rivista Il Libraio (15 gennaio 1947)

Commenti