La vera storia di Chris McCandless, alla cui incredibile storia si è ispirato Sean Penn per il film cult "Into the Wild". A più di vent’anni dalla morte del ragazzo in Alaska, a raccontarla è la sorella Carine...

Nel 1993 Jon Krakauer pubblicò un articolo sulla rivista Outside, intitolato Death of an Innocent (Morte di un innocente). Le parole di Krakauer sul giovane Chris McCandless che aveva trovato la morte in Alaska, dopo aver abbandonato la famiglia e aver vissuto per mesi senza soldi, viaggiando da solo nella wilderness, sollevarono un polverone. Chi considerò Chris un sognatore, chi un pazzo, chi un illuso, chi un idealista, chi un ribelle.

Krakauer decise allora di trasformare l’articolo in un libro, Nelle terre estreme, che ebbe grande successo e che ispirò Sean Penn nel film Into the Wild.

Chris McCandless è suo malgrado diventato un mito: rappresenta la giovinezza che non ha paura di perdere tutto pur di seguire i propri sogni. Ma Chris è anche un ragazzo in carne e ossa, con una famiglia che ha abbandonato. E le ragioni della sua scelta sono quelle che Krakauer aveva cercato di comprendere con l’aiuto della sorella di Chris, Carine. Ma Carine aveva chiesto a Krakauer di rispettare il silenzio su alcuni aspetti della vita del fratello che coinvolgevano i genitori e lei stessa.

Tuttavia, a più di vent’anni dalla morte di Chris, e a otto dall’uscita del film di Sean Penn, Carine ha deciso che è ora di raccontare anche quella parte di verità che era rimasta in ombra. E il risultato è Into the Wild Truth, in libreria per Corbaccio.

Corbaccio

SCOPRI IL LIBRO

Il libro racconta la storia della propria famiglia, di un padre violento, bigamo e, al tempo stesso, religiosissimo, di una madre sottomessa e insieme complice, spiegando perché la scelta di Chris «è stata la cosa più sensata che potesse fare»…

Commenti