Da domenica "la Lettura" sarà in vendita con la formula dell’acquisto facoltativo (il quotidiano costerà 1,50 da solo, 2 euro con il supplemento). Ecco cosa cambierà

In tre anni, la Lettura, supplemento culturale domenicale del Corriere della Sera, è cresciuta: oltre mille collaboratori, riconoscimenti, iniziative. Eppure, in un contesto decisamente complesso per il giornalismo cartaceo in generale e per il Corsera in particolare ( solo per fare un esempio, venerdì scorso il quotidiano non è uscito per lo sciopero dei poligrafici) diventa necessario ridefinire la formula (e, soprattutto, il modello di business). Così, dopo le voci delle scorse settimane, arriva la comunicazione ufficiale: da domenica la Lettura “porta la foliazione a 48 pagine, e adotta una carta più preziosa, che valorizzerà in particolare la sua offerta d’immagine: le copertine inedite realizzate da grandi artisti, le infografiche, le graphic novel, i racconti fotografici”.

Il supplemento culturale sarà in edicola, “nella nuova versione arricchita, con la formula dell’acquisto facoltativo“: il quotidiano costerà 1,50 da solo, 2 euro con la Lettura. E sarà possibile acquistare la Lettura anche nei giorni successivi all’uscita.

Sempre dal 19 luglio, come spiega un comunicato, l’offerta si arricchirà di un canale online: www.corriere.it/laLettura: “Una nuova sezione con contenuti originali e aggiornamenti quotidiani, con l’archivio di tutte le copertine d’autore e i materiali finora pubblicati. E anche l’attività social sarà potenziata”.

Si legge inoltre: “L’organizzazione di eventi, che ha già visto la Lettura protagonista di due mostre alla Triennale di Milano, si svilupperà ulteriormente. Infatti, la Lettura e la Fondazione Corriere della Sera collaboreranno nella realizzazione di momenti culturali, organizzando incontri per far partecipare i lettori al dibattito acceso dal giornale”.

Dichiara il direttore Luciano Fontana: “Il Corriere della Sera vuole valorizzare l’altissima qualità del suo supplemento culturale. Di buone letture, di arte, pensiero critico, fotografia, c’è sempre più bisogno. Vogliamo arricchire i contenuti de la Lettura, l’informazione culturale, gli approfondimenti, il dialogo social, per offrire a un pubblico esigente un dibattito delle idee sempre più ricco e articolato”. E aggiunge Antonio Troiano, capo della redazione Cultura del Corriere della Sera, che coordina la Lettura dalla sua nascita, il 13 novembre 2011: “Sono stati anni intensi, di crescita costante, di attenzione continua ai fermenti culturali, che abbiamo cercato di raccontare con tutti i linguaggi. Più dei tanti riconoscimenti ricevuti, ci spinge a fare di più la voglia di accrescere ancora il dialogo con i nostri lettori”.

I lettori italiani saranno disponibili a investire 50 centesimi per la Lettura?

LEGGI ANCHE:


BuzzFeed prepara una rivista letteraria (e borse di studio per giovani scrittori e saggisti) 

 

Commenti