Elizabeth George - Longanesi - 429 pagine - ISBN:8830419214

Torna in questi giorni in libreria La miglior vendetta, uno dei gialli più famosi di Elizabeth George apparso per la prima volta in Italia nel 1990. L’ispettore Thomas Lynley e il sergente Barbara Havers sono chiamati a indagare sull’omicidio di una giovane donna, Joy Sinclair, autrice di testi teatrali di grande successo. Per accrescere la tensione e il senso di mistero, la scrittrice ambienta la vicenda in un oscuro e isolato maniero, che sbuca dalle valli e dalle brughiere scozzesi come un incubo gotico. Nell’enorme edificio in granito di Westerbrae, di recente adibito ad albergo di campagna, si riunisce una compagnia teatrale di Londra, che sta per portare sulla scena un dramma di Joy Sinclair. La lettura del copione suscita però un diffuso malumore tra i presenti e la riunione degenera in una violenta rissa verbale. L’indomani il copione sparisce, mentre l’autrice del dramma viene ritrovata nella sua stanza da letto con un pugnale conficcato in gola. La miglior vendetta costituisce una variazione sul tema della “camera chiusa”: un gruppo di persone si trova in un luogo angusto (il maniero scozzese) e inaccessibile (le strade sono ghiacciate e quasi impraticabili); dunque l’assassino può essere soltanto un ospite dell’albergo. Ma chi, all’interno del gruppo teatrale, può aver avuto un reale interesse a zittire per sempre la giovane drammaturga? Toccherà a Thomas Lynley il compito di scoprire l’assassino e di trovare il movente; un compito per nulla semplice perché i membri della compagnia dimostreranno di saper recitare negli interrogatori altrettanto bene che in teatro. Ognuno sembra avere valide ragioni per nascondere la verità e per intralciare il cammino della giustizia. La reticenza e le menzogne di attori/produttori/registi non sono però l’ostacolo più arduo nell’affannosa ricerca del colpevole; il vero nemico da sconfiggere è il “pregiudizio”, che condiziona pesantemente l’agire di Barbara Havers e di Thomas Lynley. L’avversione del sergente per la classe nobiliare e le crisi di gelosia dell’ispettore (uno degli indagati è infatti un suo rivale d’amore) rischiano di compromettere il buon esito dell’indagine. L’accurata analisi psicologica dei personaggi e il raffinato plot giallo sono garanzia di divertimento ed emozioni. Un romanzo intenso e avvincente.

Commenti