Sinossi

Introduzione e note di Nicola Merola

Nelle novelle più tarde, raccolte in questo volume, Verga si svincola almeno in parte dall’ispirazione rusticana e dagli sfondi siciliani per aprirsi al dramma borghese e alla realtà urbana, un ampliamento d’orizzonte che si traduce in un alternarsi dei registri espressivi – ora gravi ora lievi e ironici. Nella raccolta Vagabondaggio (1887) – un titolo che si rivela efficace metafora – l’irrequietudine accomuna esistenze degradate, condannate a quell’incessante e doloroso peregrinare che è la vita. I ricordi del capitano d’Arce (1891) ripercorrono le vicende sentimentali della moglie di un comandante di marina, una storia di malessere e dissipazione imperniata su una figura femminile seduttiva e ingannatrice. I bozzetti di Don Candeloro e C.i (1894) gravitano intorno al mondo del teatro e dei teatranti e confluiscono in una riflessione, che a tratti fa pensare a Pirandello, sul ruolo della finzione dentro e fuori la scena: perché recitare e illudere non è prerogativa solo dei guitti e verità e menzogna si scambiano spesso le parti nello spettacolo della vita.

Il volume comprende le raccolte: Vagabondaggio, I ricordi del capitano d’Arce, Don Candeloro e C.i, Novelle sparse.

  • ISBN: 8811609623
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Pagine: 544

Dove trovarlo

€13,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai