“Nel percorso espositivo della Mostra le opere entrano in dialogo con i libri". Quello che c'è da sapere sulla 15esima edizione di "Minimondi", il festival di letteratura e illustrazione per ragazzi (a Parma, dall'11 al 19 aprile)

Da sabato 11 a domenica 19 aprile ritorna per la 15esima edizione “Minimondi – Festival di letteratura e illustrazione per ragazzi”; i luoghi di questa edizione sono: Palazzo Pigorini e Barilla Center a Parma, e la Biblioteca a Busseto.

Minimondi è nato nel 2001 da un’idea di Silvia Barbagallo, che lo dirige ora insieme a Paola Cantarelli, con l’obiettivo di promuovere e stimolare fra i giovani la lettura e l’arte in genere. Il Festival vuole avvicinare gli artisti a bambini e ragazzi attraverso mostre, incontri, animazioni e laboratori.

Il cuore di Minimondi 15 è “TEATRI DI TERRA – dialogo fra libri per ragazzi e opere d’arte”: una mostra dedicata al tema della rappresentazione della natura nell’arte contemporanea e nell’illustrazione del libro per ragazzi, curata da Gloria Bianchino, inaugurata sabato 11 aprile e aperta fino a domenica 28 giugno.

“Teatri del naturale, teatri di terra. Le opere propongono ciascuna un racconto diverso della natura – sottolinea la curatrice -, ma tutte insistono su un fatto: lo spazio della terra è ormai pura messa in scena, rappresentazione di un mondo irrimediabilmente perduto, ora nella memoria del passato ora nell’ideale – un universo immaginario e immaginato che solo l’arte riesce a esprimere. Dipingi, scolpisci, fotografi il naturale: dunque metti in scena; costruisci un racconto che come personaggi ha fiumi, monti e alberi, pianure e colline, o magari l’assenza di tutto questo. La natura è scomparsa dal nostro presente: è diventata un mito, una riserva – appunto – naturale; è stata manomessa, trasformata dalle macchine…”.

Il confronto fra opera d’arte e libro illustrato per ragazzi verrà analizzato e approfondito, partendo dalla mostra e all’interno della stessa, attraverso laboratori e narrazioni condotti da diversi esperti per far conoscere le opere esposte, gli artisti e il loro percorso.

Laboratori: “L’albero delle storie” di Badaumpa-Babalibri (Barbara Archetti, Anna Pisapia, Cristina Zeppini); “Dalle piante il colore” di Anna Roberti; “Un mondo di alberi” di Manuela Saccani.

Per “raccontare” la rappresentazione contemporanea del naturale, sono stati scelti i lavori di tre fotografi e di  circa quindici artisti  che espongono  60 opere.

locandina-minimondi

“Nel percorso espositivo della Mostra le opere entrano in dialogo con i libri – dichiara Paola Cantarelli, direttrice del Festival Minimondi con Silvia Barbagallo – e vengono aperte alcune pagine esemplari dei volumi presenti che ne simboleggiano il messaggio intrinseco ed estrinseco. Con questo accoppiamento non si vuole descrivere l’opera d’arte, né la natura e non ci si propone di ottenere risposte. Si cerca di stimolare l’osservatore, soprattutto il più piccolo, a farsi domande e a leggere il libro come se fosse un’opera e a osservare un’opera d’arte come se fosse un libro. Comune denominatore è la natura, che li accomuna e li fa risuonare uno con l’altro”.

“In un tempo di risorse sempre più limitate, investire su percorsi di senso e non di mera immagine risulta essenziale – afferma l’assessore alla Cultura del Comune di Parma Laura Maria Ferraris -. Proprio per questo abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di Minimondi, festival radicato nella programmazione culturale cittadina, di sviluppare un percorso espositivo che racconti la natura facendo dialogare arte e libro. Grandi e piccoli potranno cogliere l’occasione di aprire spazi di riflessione e incanto in un viaggio curioso e di grande intelligenza curatoriale”.

Come ogni anno, in cartellone incontri con scrittori e illustratori di fama internazionale (e le novità editoriali) dedicati la mattina agli alunni delle scuole di Parma, aperti nel pomeriggio e nel fine settimana al pubblico.

Il Festival Minimondi è realizzato da Associazione Minimondi insieme a Libreria Libri e Formiche in collaborazione con il Comune di Parma, con il contributo di Regione Emilia Romagna e Provincia di Parma e il sostegno di  Chiesi Farmaceutici S.p.A., Barilla Center Parma, e con il contributo di Fondazione Cariparma.

LEGGI ANCHE:

Libri per ragazzi, ecco chi è la giovane illustratrice premiata a Bologna – Gallery

Dall’Africa alla Cina, ecco chi sono i 6 editori per ragazzi dell’anno (premiati a Bologna)

 

 

 

Commenti