Di cosa parliamo quando parliamo di ebook? Quali sono gli ereader più usati, e in quali negozi online è possibile comprare libri digitali? La nostra guida

Come abbiamo raccontato, dati alla mano, l’emergenza covid-19 sta avvicinando un pubblico di tutte le età agli ebook. Visto che in queste settimane tante nuove lettrici e lettori stanno optando per la lettura digitale, o magari si stanno avvicinando per la prima volta ai testi digitali, abbiamo pensato a una guida veloce per spiegare (o ricordare) come funziona la lettura di ebook. Per rispondere a domande come: di cosa parliamo quando parliamo di ebook? Come funziona la lettura digitale? Quali sono i lettori di ebook, e in quali negozi online è possibile comprarli?

Un po’ di storia e di definizioni

Prima una breve premessa: quella dei libri in formato digitale (da leggere attraverso ereader, app, smartphone, tablet e pc) non è una novità degli ultimissimi anni. Nel tempo i “lettori di ebook” (conosciuti come ereader) si sono evoluti, e sono state fatte diverse sperimentazioni legate, ad esempio, alla multimedialità e ai cosiddetti ebook arricchiti (“enhanced”). Va specificato che non tutti i documenti in formato digitale sono ebook; quest’ultimo, infatti, non si limita a presentare la sostanza del documento cartaceo, ma cerca anche di replicarne la forma, in modo da rendere la lettura il più possibile simile a quella che si avrebbe sfogliando le pagine di un libro. Come ricorda Wikipedia, da ciò deriva che tutte le azioni che in un normale libro cartaceo sono immediate, come ad esempio lo scorrere le pagine o l’inserimento di un segnalibro, possono essere emulate dal software del dispositivo di lettura. Quanto ai primi ebook reader sono stati lanciati già nel 1998 (Rocket ebook e SoftBook), e tra il ’98 e il ’99 è stata la volta dei primi siti di vendita “e-libri” in lingua inglese (come eReader.come eReads.com). Il lancio di Kindle negli Stati Uniti da parte di Amazon è invece del 2007.

I lettori ebook più usati

A tecnologia e-ink (o ereader)

Sono i lettori ebook propriamente detti e i più diffusi; sono caratterizzati da schermi e-ink, tecnologia che permette una visualizzazione ottimale per i libri prevalentemente di testo (narrativa, saggistica, manualistica).

Nato nel 1996 e migliorato negli anni, rendendo la visualizzazione sempre più simile a quella di un libro su carta, questo tipo di schermo (non a caso chiamato e-ink, cioè inchiostro elettronico) non emette luce come quello degli smartphone, table e pc (affaticando meno gli occhi) e, al contrario di questi ultimi, è visibile anche in pieno sole.

Questi alcuni dei vantaggi più apprezzati dagli utilizzatori di ereader:

-la possibilità di portare con sé migliaia di titoli;
-piccolo ingombro e peso limitato;
-la possibilità di acquistare e scaricare gli ebook e di averli disponibili in pochi minuti;
-quella di poter impostare le caratteristiche del testo (grandezza, spazio tra le righe eccetera); quindi, la possibilità di ingrandire il testo;
-di poter leggere anche al buio o in penombra (nei modelli, sempre più diffusi, dotati di luce frontale regolabile);
-la possibilità di evidenziare passaggi, cercare una definizione o tradurre una parola straniera (la maggior parte ha integrato uno o più dizionari).

In commercio ci sono svariati modelli a disposizione, con prezzi variabili a seconda delle caratteristiche tecniche: Kindle, Kobo e Tolino sono tra i più noti.

Smartphone, tablet e pc

Le piattaforme principali di vendita (Kindle di Amazon, Libri di Apple, Play Libri di Google, Kobo, Ibs) offrono applicazioni gratuite per questi dispositivi.

-App Kindle
-App Kobo
-App Ibs
-App Apple (già presente sui dispositivi)
-App Google

Queste applicazioni permettono, oltre all’acquisto e alla lettura degli ebook (serve una connessione a internet) anche altri servizi, come la sincronizzazione dell’avanzamento della lettura e delle note su più dispositivi di uno stesso libro, la condivisione dei propri libri elettronici tra i vari dispositivi (compresi gli ereader della medesima piattaforma).

Tra i vantaggi dell’utilizzo di questi dispositivi elenchiamo:

-la possibilità di vedere i colori (utile per libri illustrati, ad esempio);
quello di poter fruire facilmente, durante la lettura dell’ebook, di altri contenuti sul web semplicemente cliccando sui link presenti nel titolo (se presenti);
quello di assolvere a più funzioni;
tra i vantaggi della lettura su tablet e smartphone, inoltre, il fatto che non bisogna acquistare un ereader per acquistare e leggere gli ebook. Basta scaricare l’app dello store di turno, gratuita;

Lo svantaggio principale è quello legato alla tecnologia dello schermo: gli schermi LCD, infatti, affaticano gli occhi perché emettono luce.

Le app per la lettura degli ebook si possono usare anche su pc e mac.

I formati ebook più utilizzati e commercializzati

Sono sostanzialmente due: l’ePub e il Mobi (con tutte le varianti).

L’ ePub è un formato aperto, ed è supportato dalla quasi totalità degli ereader, a eccezione di quelli di Amazon. Se sul file non è applicato un sistema di protezione (drm) è possibile trasferirlo e leggerlo su svariati dispositivi e con svariate applicazioni.

Il Mobi è commercializzato solo da Amazon e insieme alle sue derivazioni (AZW e KF8): questi acquisti sono fruibili solo su dispositivi Kindle, o con le applicazioni proprietarie di Amazon per smartphone, tablet e PC.

Quale ereader scegliere?

Ma veniamo a raccontare in sintesi i principali e-reader (e gli ecosistemi collegati).

Tra i punti di forza del Kindle vi è il collegamento diretto con lo store di Amazon (necessaria la connessione a internet); la buona qualità dei dispositivi e dell’esperienza d’uso dell’ecosistema (accesso al catalogo, acquisto, scaricamento sul dispositivo). Lo svantaggio è che non è possibile acquistare facilmente ebook su negozi diversi da Amazon per leggerli su Kindle.

Esistono e-reader con caratteristiche e prezzi crescenti. Tutti con schermi e-ink antiriflesso, luce frontale e collegamento wifi.

Per quel che riguarda gli ereader Kobo, anche qui abbiamo un ecosistema che permette di acquistare dal negozio, di accedere ai titoli acquistati e di mantenerli sincronizzati sui diversi dispositivi (per pc e tablet tramite un’applicazione Kobo, gratuita).

Tra i vantaggi del sistema Kobo, il fatto che sia aperto (i clienti Ibs, LaFeltrinelli e Bookrepublic ad esempio, possono usarlo).

Tra i formati supportati c’è proprio l’ePub, che è adottato dalla stragrande maggioranza degli editori e dei negozi: per esempio, è possibile quindi leggere su ereader Kobo ebook comprati anche su Ibs, LaFeltrinelli o Bookrepublic, mentre non quelli acquistati su Amazon.

Da segnalare, su tutti i modelli, l’adozione della tecnologia ComfortLight, la luce frontale completamente regolabile che garantisce una lettura confortevole in qualsiasi condizione di luminosità, e che permette di ridurre la componente blu (che può creare difficoltà nel prender sonno). Tutti i modelli in vendita attualmente adottano schermi ad alta risoluzione (300dpi).

Ci sono poi gli ereader Tolino: attualmente è stato rilasciato un nuovo modello per caratteristiche simile al modello di entrata di Kobo (il Kobo clara HD) che sostituisce i precedenti. Anche qui abbiamo risoluzione elevata e luce frontale (Smart Light, che riduce lo spettro del blu al decrescere della luce solare). L’ecosistema è simile ai primi due, ma il servizio prevede uno spazio cloud gratuito che non si limita a ospitare gli acquisti in un solo negozio e permette di aggiungere anche ebook e documenti personali (in formato epub, pdf e txt).

Quanti ai costi degli ereader, i Kobo (Clara HD, Libra H20, Forma )vanno dai 130 a 280 euro; i Kindle (Paperwhite e Oasis) dai 65 ai 250 euro; Tolino Shine 3 costa invece 130 euro.

Quali sono i principali negozi online?

Sono numerosi i negozi online attraverso cui acquistare ebook (tutti questi store hanno una rispettiva app). Ecco i più usati dai lettori italiani:

 

 

 

Libri consigliati