"Ho desiderato che su quella nave morisse qualcuno, morisse un bambino": parte da una sua dichiarazione, che ha fatto molto discutere, l'ultimo libro di Edoardo Albinati

“Buon appetito ai pesci!”: ecco l’augurio di qualcuno che si sente autorizzato a sfogare liberamente il suo rancore quando annega un migrante. E intanto vengono chiusi i porti alle navi che prestano soccorso, mettendo in discussione i principi rispettati dagli uomini di mare di ogni tempo.

albinati
Mentre era in corso la prima di queste nuove emergenze, il caso della nave Aquarius e dei naufraghi respinti dall’Italia, Edoardo Albinati ha scioccato l’opinione pubblica affermando: “Ho desiderato che su quella nave morisse qualcuno, morisse un bambino”, così sarebbe cessato il gioco cinico di scommettere sulla vita altrui per pura propaganda elettorale.

Ora Albinati, nel pamphlet  Cronistoria di un pensiero infame (Baldini + Castoldi) guardando oltre gli schieramenti politici, cerca di scavare più a fondo nelle ragioni di quel suo pensiero infame, così come in tutte le altre forme di cinismo che oggi circolano nel nostro Paese e nel mondo: per portare cioè alla luce la parte oscura che è in noi e ci fa diventare spietati.

Così il suo pamphlet diventa l’occasione per parlare di altri temi che ci stanno a cuore: l’uso e l’abuso della verità, l’impotenza dei cosiddetti intellettuali, le campagne di odio sui social, l’intoccabile bellezza morale e fisica delle persone, la vita di chi va per mare, il desiderio di giustizia, l’avventura, il coraggio.

L’autore, romano, classe ’56, lavora da molti anni come insegnante nel carcere di Rebibbia. Nel 2002 e 2004 ha svolto missioni per l’UNHCR in Afghanistan e in Ciad. Tra i suoi libri Maggio selvaggio, Orti di guerra, Tuttalpiù muoio (scritto con Filippo Timi), Vita e morte di un ingegnere, Un adulterio. Con La scuola cattolica Albinati ha vinto il premio Strega 2016.

Commenti