A Più libri più liberi sarà presentata un'indagine che fotografa, bilanci alla mano, il cambiamento tra le piccole case editrici. E si parlerà anche della figura del grossista, che ha progressivamente sostituito la tradizionale figura del distributore per alcune librerie a conduzione familiare

In Italia, come sottolinea una nota dell’Aie, ci sono oggi 4.516 per la precisione. Il 75% di questi non pubblica più di 10 titoli all’anno e altri 800 non arrivano a 20. Sono sempre gli stessi? E il loro pubblico è sempre lo stesso? E le loro performance economiche stanno migliorando? Un’indagine, a cura dell’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori, ne fotografa il cambiamento, ragionando su due diversi indicatori: il pubblico, i risultati economici (con un’analisi sui bilanci di un campione rappresentativo di piccoli editori per cercare di fotografarne la stabilità economica), la loro propensione all’innovazione.

La ricerca sarà presentata nell’ambito dell’incontro Come è cambiata la piccola editoria. Editori allo specchio, in programma l’8 dicembre alle 13 nella Aldus Room a Più libri più liberi, la fiera nazionale della piccola e media editoria, in programma fino all’11 dicembre al Palazzo dei Congressi dell’Eur a Roma e che sarà la base del confronto di Giovanni Peresson (Ufficio studi Aie) e Chiara Valerio con domande e dialogo con il pubblico.


LEGGI ANCHE – Mercato del libro: com’è andato finora il 2016 in Italia?

Cambiamento è parola chiave però anche per il segmento distributivo: la figura del grossista ha progressivamente sostituito la tradizionale figura del distributore per alcune librerie a conduzione familiare ed è diventato un interlocutore assai più importante rispetto al passato anche per gli editori in generale e per i piccoli in particolare. Nell’incontro Come cambia la distribuzione. Grossisti leggeri, in programma l’8 dicembre alle 16 nell’Aldus Room si parlerà di come questo nuovo ruolo abbia cambiato la presenza degli editori nei punti vendita. Ne discuteranno Marco Mattioli (Fastbook), Chiara Sandrini (Centro libri, Brescia), Marina Ricciardi (Coordinamento Circuito Librerie Cleio), moderati da Alberto Galla (Associazione Librai Italiani).

Commenti