Sono iniziate le riprese del film “Pinocchio” diretto da Matteo Garrone. Nel cast Roberto Benigni nei panni di Geppetto. Insieme a lui ci saranno, tra gli altri, Marcello Fonte, Gigi Proietti, Massimo Ceccherini, Rocco Papaleo e Alida Baldari Calabria e Matilda De Angelis...

Sono iniziate lo scorso 18 marzo le riprese del film Pinocchio diretto da Matteo Garrone, che si svolgeranno tra Toscana, Lazio e Puglia. Ed è proprio il regista (il cui ultimo film, Dogman, ha vinto 9 David di Donatello) con un post sui suoi social, a mostrare la prima foto del premio Oscar Roberto Benigni nei panni di Geppetto.

L’attore, durante la recente premiazione dei David, a proposito del film aveva detto (come si può leggere su Repubblica), di essere “lieto di essere tornato al cinema dopo tanti anni in un film pieno di passione di mistero come il Pinocchio di Matteo Garrone”.

Al fianco di Benigni, nel ruolo del burattino protagonista, Federico Ielapi, attore romano dell’età di 8 anni che in passato aveva recitato con Checco Zalone nel film di Gennaro Nunziante, Quo vado, in Moschettieri del re di Giovanni Veronesi e nel film Brave ragazze di Michela Andreozzi, in arrivo prossimamente nelle sale.

Confermato anche il resto del cast, con Gigi Proietti nel ruolo di Mangiafuoco, Massimo Ceccherini e Rocco Papaleo che interpretano il gatto e la volpe e Davide Marotta come grillo parlante. Insieme a loro, Alida Baldari Calabria e Matilda De Angelis che interpreteranno, rispettivamente, la fata da giovane e da grande. Infine, il pappagallo sarà interpretato da Marcello Fonte, che ha già lavorato con Garrone come protagonista di Dogman (film per il quale ha vinto il David di Donatello come miglior attore protagonista).

Programmato in uscita per il 25 dicembre 2019, il film di Garrone, distribuito da 01 Distribution, presenta il primo trailer il 3 luglio. Durante la Giornate di Cinema Riccione, dedicata alla presentazione dei film della prossima stagione, si sono presentati regista e protagonista a sorpresa. Queste le prime immagini del lungometraggio.

Commenti