L'idea del pizzaiolo del Rione Nuovo di Napoli, Vincenzo Esposito, con tanto di in bocca al lupo a Elena Ferrante in vista della finalissima del premio Strega. A quando le statuette del presepe?

Nessuno sa chi sia (da anni circolano svariate ipotesi sulla sua identità…). Quel che è certo è che la misteriosa Elena Ferrante, amata negli Usa forse ancor più che in Italia, pare ormai entrata nell’immaginario collettivo. Tanto che nella “sua” Napoli sono nate le “prime pizze site specific”, che “provengono dai luoghi e sono dedicate ai personaggi” descritti dalla scrittrice (o scrittore…) senza volto.

L’idea, come si legge in un comunicato, è della giornalista enogastronomica Monica Piscitelli e della blogger Evelina Bruno. A realizzare le pizze, Vincenzo Esposito, patron della Pizzeria Carmnella (nel Rione Nuovo).

A Elena Greco e Lila Cerullo, le protagoniste amiche per la pelle, a Nino Sarratore, il loro amore contrastato e a Michele Solara, lo spietato camorrista del Rione, sono dedicate quattro pizze. La quinta è per la stessa Ferrante, a cui va l’in bocca al lupo in vista della finalissima del premio Strega da parte degli ideatori delle pizze…

A giocarsi l’edizione 2015 del premio letterario più ambito e discusso, il 2 luglio, al Ninfeo di Villa Giulia, saranno infatti Lagioia, Covacich, Ferrante, Genovesi e Santagata (qui tutti i dettagli sulla cinquina, ndr).

Dopo le pizze sarà la volta delle statuette del presepe?

ps. a proposito di curiosità, su Twitter circolano i gelati dedicati ai grandi della letteratura mondiale. In fondo a destra, quello dedicato all’autrice napoletana…

Collegamento permanente dell'immagine integrata

LEGGI ANCHE:

Ecco la cinquina del premio Strega. La Ferrante c’è (ma mancano le sorprese) 

Commenti