Il discusso saggio dell'economista si aggiudica il "Business Book of the Year"

Thomas Piketty è l’autore di uno dei saggi più discussi dell’anno, “Il Capitale nel XXI secolo”, pubblicato (con successo) in Italia da Bompiani. Il libro del professore di economia politica all’École d’Économie de Paris/Paris School of Economics, autore di numerosi studi storici e teorici, si è appena aggiudicato un prestigioso riconoscimento, il “Business Book of the Year”, premio giunto alla decima edizione.

Ne “Il capitale nel XXI secolo” Piketty analizza una raccolta di dati da venti paesi, risalendo fino al XVIII secolo, per scoprire i percorsi che hanno condotto alla realtà socioeconomica di oggi. Il saggista mostra come la moderna crescita economica e la diffusione del sapere ci abbiano permesso di evitare le disuguaglianze su scala apocalittica secondo le profezie di Karl Marx. Ma non abbiamo modificato le strutture profonde del capitale e dell’ineguaglianza così come si poteva pensare negli ottimisti decenni seguiti alla Seconda Guerra Mondiale. Il motore principale dell’ineguaglianza – la tendenza a tornare sul capitale per gonfiare l’indice di crescita economica – minaccia oggi di generare disuguaglianze tali da esasperare il malcontento e minare i valori democratici.

Commenti