Su Twitter (attraverso il profilo della Fondazione Bellonci) il vincitore del premio Strega 2014 anticipa le sue scelte da giurato. Mentre Carofiglio svela un aneddoto a suo modo significativo...

Con un tweet pubblicato direttamente dal profilo ufficiale della Fondazione Bellonci, Francesco Piccolo, premio Strega 2014, autore Einaudi e sceneggiatore della fiction Rai che sarà tratta dalla saga de L’amica geniale della misteriosa Elena Ferrante (pubblicata da E/O), ha annunciato di aver letto i dodici libri finalisti (qui l’elenco completo e i dettagli, ndr) all’edizione 2015 del premio letterario più ambito e discusso, specificando che voterà Covacich, Lagioia e Ferrante nella prima votazione in Casa Bellonci (da quest’anno, infatti, con il nuovo regolamento vanno espresse tre preferenze) e che (dando quindi praticamente per certa la presenza in finale della Ferrante), voterà quest’ultima al Ninfeo di Villa Giulia. La vera notizia, penserà forse qualcuno, è che lo scrittore ha già letto tutti e 12 i libri in gara…

Dopo qualche ora, sempre sul social network, ecco cosa scrive Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci: “Mi piace che Piccolo abbia dichiarato a @ per chi vota al . Spero sia imitato da altri giurati “. Insomma, un invito “ufficiale” rivolto agli Amici della Domenica…

In attesa di vedere quanti giurati risponderanno positivamente all’invito, e sempre a proposito di Twitter, un altro autore, Gianrico Carofiglio, stamattina ha svelato un aneddoto a suo modo significativo: “Tizio, editore, 3 anni fa: ‘Carofiglio non mi piace.’  Tizio, oggi: “Caro, sono un tuo grande estimatore, ti chiedo il voto per lo Strega…”. La sfida è davvero cominciata…

LEGGI ANCHE:

I momenti di trascurabile infelicità raccontati da Piccolo

Il desiderio di non essere… Piccolo. In un pamphlet Tommaso Pellizzari critica il vincitore del premio Strega 2014

“Bibliodiversità al Premio Strega”: ecco come cambiano le regole nell’anno della Ferrante

Commenti