Per definire alcune delle categorie in cui si dividono i lettori, ecco gli identikit dei "tipi" più comuni: in quali vi riconoscete?

I lettori sono una porzione di popolazione abbastanza eterogenea accomunata dalla passione per i libri. Anche per quanto riguarda i gusti di lettura, le abitudini e le passioni si differenziano tra loro. Allora per definire alcune delle categorie in cui si dividono i lettori recentemente Bustle ha tracciato gli identikit dei “tipi” più comuni, di cui noi riportiamo le più divertenti.

I “drogati” di saghe

90s animated GIF

Sono i più facili da riconoscere perché, appena hanno finito un volume, ne iniziano un altro, della stessa serie s’intende. E quando arrivano all’ultimo capitolo della saga vanno in astinenza. Uno dei loro passatempi preferiti è fare code notturne fuori dalle librerie per guadagnarsi la nuova uscita prima di tutti gli altri.

Gli Snob

Preferiscono i classici, spesso in lingua originale. Leggono solo le novità che hanno ricevuto recensioni positive dai loro critici di riferimento. Non amano le serie, né i libri giudicati troppo frivoli. Cercano spessore e storie che “cambino la loro percezione del mondo”.

girl animated GIF

I “poligami”

Leggono almeno due libri in contemporanea e non perdono mai il filo. Hanno un libro da leggere in coda, uno per la sera, uno per la pausa pranzo… Per non parlare di quando vanno in vacanza e hanno bisogno di portarsi una valigia di libri, tutti letti a metà (sempre che non si siano abituati all’ereader).

I lettori “parziali”

Film Society of Lincoln Center animated GIF

Anche loro, come i poligami, hanno la casa disseminata di libri letti solo in parte. Solo che i lettori “parziali” quei libri non li prenderanno mai più in mano. Ne hanno letto solo qualche capitolo, o magari sono arrivati fino alla fine, solo che a un certo punto hanno deciso di smettere. Tra loro vi sono anche quei lettori che “per superare le parti noiose” saltano pagine o addirittura capitoli interi.

I “rilettori”

Non comprano quasi mai libri nuovi. Hanno una libreria di volumi preferiti che continuano a rileggere con una certa periodicità.

I lettori emotivi

Questa in realtà è una categoria trasversale, chiunque può essere uno di quei lettori che si mette a piangere quando legge un passaggio particolarmente triste. Oppure si infuria perché il protagonista ha subito un’ingiustizia. Sentimenti più che giustificati!


LEGGI ANCHE – Le storie e le foto dei lettori in metropolitana


LEGGI ANCHE – Il “kamasutra” dei lettori: divertenti posizioni da provare mentre si legge

Commenti