"Tutto ciò che ti appartiene" di Garth Greenwell, ambientato in Bulgaria, racconta un amore tra due uomini dove la tenerezza sconfina nella violenza e il sentimento è manipolazione...

Tutto ciò che ti appartiene (Mondadori, traduzione di Matteo Colombo), romanzo d’esordio di Garth Greenwell, racconta l’incontro fra un giovane americano, appena arrivato in Bulgaria per insegnare inglese, e Mitko, abituato a mentire e manipolare, disposto a ogni genere di affari, e con alle spalle una vita fatta di sofferenza e povertà. La sua storia personale si fonde con quella del suo paese, la Bulgaria, altrettanto ricca di dolore e violenza. Una violenza che inevitabilmente caratterizza anche il suo rapporto con il giovane americano: mentre il desiderio li travolge, mantenere il controllo sarà sempre più difficile.

tutto ciò che ti appartiene garth greenwell

In un giorno d’autunno stranamente fuori stagione, il giovane americano, appena arrivato in Bulgaria, entra nei bagni del Palazzo della Cultura a Sofia e incontra Mitko, che non esita ad accettare i soldi dell’americano in cambio di qualche ora di sesso. L’incontro accidentale diventa presto fatidico, e i due si trovano intrappolati in una relazione in cui il desiderio si trasforma in una furia predatoria e la tenerezza sconfina nella violenza.

Mentre combatte per trovare un equilibrio tra il proprio famelico desiderio e l’angoscia che gli provoca, il protagonista di Tutto ciò che ti appartiene è costretto a vedersela con la sua biografia già carica di ombre. Inquietanti somiglianze uniscono il suo passato e il Paese straniero dove si trova a insegnare, e la scoperta della geografia e delle pene della Bulgaria coincide con la scoperta della storia personale di Mitko, del suo sfruttamento, la povertà e la malattia, ma anche della sua capacità di mentire e manipolare chi ama.

Commenti