Ai David di Donatello Valeria Bruni Tedeschi, premiata come miglior attrice per "La pazza gioia", ha ringraziato, tra gli altri, Ungaretti, Pavese, Leopardi e Natalia Ginzburg ("i cui libri mi illuminano e mi consolano")

Ai David di Donatello l’irresistibile Valeria Bruni Tedeschi ha più che meritato il premio come miglior attrice per la sua interpretazione di Beatrice in La pazza gioia di Paolo Virzì.

Resterà indimenticabile anche il suo commovente, ma anche molto divertente, discorso di ringraziamento durante la cerimonia di premiazione.

Sul palco (qui il video, ndr) l’attrice ha citato anche molte figure letterarie, da Natalia Ginzburg (“i cui libri mi illuminano e mi consolano”) a Giuseppe Ungaretti, da Giacomo Leopardi a Cesare Pavese.

Nel corso dei lunghi ringraziamenti, più volte interrotti dalle lacrime, Valeria Bruni Tedeschi non ha dimenticato di ringraziare la sua “povera psicanalista” e gli uomini che l’hanno amata, ma anche quelli che l’hanno abbandonata…

Commenti