“Il libro dei vulcani d'Islanda. Storie di uomini, fuoco e caducità” di Leonardo Piccione racconta le vicende, misteriose e bizzarre, di un’isola che esiste grazie ai vulcani e solo perché si sono realizzate tutte le condizioni necessarie affinché essa venisse alla luce...

Leonardo Piccione, classe ’87, è l’autore di una raccolta di quarantotto storie che hanno coinvolto, o che hanno come protagonisti, i vulcani dell’Islanda.

Il libro dei vulcani d'islanda

Il libro dei vulcani d’Islanda. Storie di uomini, fuoco e caducità (Iperborea) racconta le vicende, misteriose e bizzarre, di un’isola che esiste grazie ai vulcani e solo perché si sono realizzate tutte le condizioni necessarie affinché essa venisse alla luce.

Vulcano Islanda

L’Islanda, terra che Piccione conosce bene, è letteralmente l’isola dei vulcani. Se ne trovano circa 130, tra attivi e dormienti, di tutte le tipologie sconosciute. Una bomba a orologeria che, dall’arrivo dei vichinghi a oggi, ha registrato 150 eruzioni.

Le storie contenute in questa raccolta sono legate ad altrettanti giganti di roccia e fuoco. Comprendono leggende e fatti di cronaca, visioni e ispirazioni legate a eventi del passato, del presente e del futuro, visto che i vulcani islandesi hanno interferito nelle vite di singoli uomini e di intere generazioni e che certamente continueranno a farlo.

Vulcano-Islanda-eruzione

Una novità nel catalogo Iperborea che colpisce, non tanto per il tema, quanto per la nazionalità dell’autore: il primo italiano a entrare a far parte della rosa di scrittori della casa editrice, che fino a oggi era composta solo da nordeuropei.

Leonardo Piccione
L’autore 

L’idea alla base della sua opera è quella di restituire con le parole un poco della vitalità che impregna l’aria islandese quasi quanto lo zolfo, perché, adesso che sull’isola non c’è quasi più nulla di inesplorato, continuare a meravigliarsi per l’unicità della sua geologia e per la ricchezza delle sue storie è il modo più efficace per non abbandonare l’Islanda all’omologazione del turismo di massa.

Commenti