Le esperienze più innovative nell’editoria scolastica, in quella universitaria e sul fronte della conservazione e diffusione del sapere, a partire da un uso efficace e non convenzionale della rete: martedì 8 marzo il primo incontro di "Editoria in progress" all’Università Cattolica

Secondo lo studio Censis “La trasmissione della cultura nell’era digitale”, per l’89,2% degli intervistati la rete è una grande e importante fonte di informazioni accessibile a chiunque e consultabile con facilità, ma il 92,7% ritiene che non si possa essere sempre sicuri dell’affidabilità dei contenuti rispetto ai tradizionali canali del sapere.

Eppure la rete è anche garante della conservazione della conoscenza: è quanto accade per esempio con CLOCKSS, l’archivio digitale distribuito in 12 tra le principali biblioteche di ricerca a livello mondiale, che costituiscono i “nodi” di un vasto network internazionale e che hanno il compito di conservare copia digitale delle pubblicazioni e di renderle accessibili solo nei momenti di emergenza per garantire la sopravvivenza delle informazioni anche a seguito di eventi che possano minare l’integrità di uno o più nodi. La biblioteca dell’Università Cattolica di Milano è diventata nel 2010 il primo “nodo” di CLOCKSS nell’Europa continentale.

Questi argomenti, insieme ai cambiamenti che stanno rivoluzionando il mondo del sapere e dell’editoria, saranno al centro del primo appuntamento di “Editoria in progress”, martedì 8 marzo 2016 alle ore 17 a cura del Master Professione Editoria cartacea e digitale dell’Università Cattolica di Milano.

Nella sede di via Nirone dell’Università Cattolica, si parlerà de “Il sapere al tempo di Wikipedia”: quali sono le sfide, le tendenze e le esperienze più interessanti e innovative che si stanno sperimentando nell’editoria scolastica, nell’editoria universitaria e sul fronte della conservazione e diffusione del sapere?

Su questi temi interverranno Andrea Angiolini, presidente del gruppo accademico professionale dell’Associazione Italiana Editori e direttore editoriale de Il Mulino, Gino Roncaglia, professore dell’Università degli Studi della Tuscia ed esperto di editoria digitale e scolastica multimediale (oltre che collaboratore de ilLibraio.it), Ellis Sada, caposervizio della biblioteca d’ateneo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, unico membro italiano del Board of Directors del progetto d’archiviazione globale Clockss. Moderatore dell’incontro Nicola Cavalli, socio Ledi International Bookseller e presidente di Librinnovando.

“Editoria in progress”, come spiega un comunicato, è un appuntamento ormai consolidato di riflessione sul senso e le pratiche del mestiere editoriale per esperti, studiosi e addetti ai lavori. È anche un’occasione concreta di formazione per gli allievi del master che assistono agli incontri e, coordinati dai docenti, si occupano dell’ufficio stampa e della copertura degli eventi sul blog e i profili social del master.

L’appuntamento successivo di Editoria in progress sarà martedì 19 aprile 2016 all’Università Cattolica con il tema “Niente libri, siamo autori! Vivere di scrittura e storytelling”. Il terzo incontro, dal titolo “Self-publishing. Guida pratica (professionale)”, si terrà Salone Internazionale del Libro di Torino venerdì 13 maggio 2016 in collaborazione con Book to the Future.

(Visited 13 times, 9 visits today)

Commenti