I due fondatori: "Il Tibo vuol essere un centro di gravità culturale a 360 gradi" #buonenotizie

Siamo a Penne, in provincia di Pescara, dove Tibo, una nuova libreria-caffè letterario, domani (17 dicembre, ore 18) organizza la sua prima presentazione, ospitando Roberto Ippolito, autore di Abusivi (Chiarelettere). A dar vita a questo spazio, in un periodo non certo facile per i librai, Marco Bozzi e Tommaso Matricciani.

I due fondatori hanno a lungo lavorato nelle librerie della catena Arion (“A Roma avevamo un posto fisso sicuro, che di questi tempi è merce assai rara, ma sentivamo il bisogno, ogni qualvolta tornavamo a casa, di fare qualcosa per il nostro territorio”). Intervistati da Chronicalibri.it, hanno spiegato che “il Tibo vuol essere un centro di gravità culturale a 360 gradi“, aggiungendo: “Vorremmo raccogliere e accogliere tutte quelle esigenze artistiche e letterarie di cui è ricco il nostro paese. Per questo abbiamo creato una sala adatta a laboratori, presentazioni, performance, reading e mille altre cose. Il tutto, naturalmente, accostato ad una ricercata caffetteria dove proporremo le eccellenze del nostro territorio”.

(Visited 8 times, 8 visits today)

Commenti